Politica

Aversa, Golia tenta l’ennesimo salvataggio e lancia appello: “Scongiuriamo il dissesto”

di Antonio Taglialatela

Aversa (Caserta) – Sembra che il sindaco Alfonso Golia possa riuscire a portare a termine l’ennesimo salvataggio della sua amministrazione. – continua sotto –  

L’appuntamento è per le ore 16 di oggi (sabato 18 marzo, ndr.) con la seduta del Consiglio comunale, riconvocata d’urgenza dopo quella di ieri andata deserta per l’assenza di tre consiglieri di maggioranza e di tutta l’opposizione, con all’ordine il piano di riequilibrio di bilancio disposto dalla Corte dei Conti, pena il commissariamento e il dissesto finanziario dell’Ente.

Tentativi di accordo – Proprio in queste ore sarebbero in corso tentativi di dialogo all’interno della variopinta maggioranza, in particolare con il gruppo dei “Moderati” che ieri, con i consiglieri Olga Diana e Francesco Forleo, hanno dato forfait in aula, insieme a Pasquale Fiorenzano del Pd. Dopo l’apertura dei lavori, le opposizioni hanno chiesto la verifica del numero legale, abbandonando contestualmente l’aula consiliare. A quel punto, i presenti erano solo nove, la seduta è stata quindi dichiarata deserta e non è stato possibile tornare in seconda convocazione (prevista per il giorno successivo) in quanto la prima convocazione, formalmente, si è tenuta. Da qui la decisione di riconvocare l’assemblea per oggi e, in seconda convocazione, domani. Da quanto si apprende, è probabile che la seduta odierna, o eventualmente quella di domani, vedrà la maggioranza votare compatta il piano finanziario nonostante i dubbi che nutrono diversi consiglieri.

La rottura con i Moderati – A far salire la tensione, pochi giorni prima della seduta consiliare andata deserta, è stata la rottura tra Golia e i “Moderati”, dichiaratisi stanchi di essere considerati come il “male” dell’amministrazione. Negando categoricamente “richieste” e “pressioni” da parte loro nei confronti del sindaco, il gruppo composto da Diana e Forleo, che vanta anche un assessore in giunta, Giovanni Innocenti, ha fatto sapere di non voler più accettare il “giochetto” di voler addossare al gruppo dei Moderati un eventuale dissesto finanziario, sottolineando che “questo tentativo di volerci obbligare ad un eventuale voto con il peso della responsabilità è davvero imbarazzante” e che “ancora una volta, come da prassi consolidata, siamo chiamati a deliberare all’ultimo minuto utile su provvedimenti importanti e fondamentali per la città, dopo quindici giorni di silenzio e indifferenza rispetto ad un gruppo di maggioranza che da mesi chiede condivisione su attività amministrative”. E qui l’osservazione finale: “In caso di dissesto di chi sarebbe la colpa di questa tempistica? Di chi sarebbe la responsabilità? Dei Moderati? Non crediamo proprio”. – continua sotto –  

L’appello di Golia: “Approvare riequilibrio è necessità assoluta per la comunità” – Intanto, tramite i social, il sindaco Golia ha lanciato un appello corale a tutta la sua maggioranza affinché, con tutte le riserve e i dubbi, si approvi il riequilibrio finanziario: “Desidero condividere con tutti – scrive il primo cittadino – l’importanza cruciale di approvare il piano di riequilibrio finanziario. Sapevamo bene che la situazione economica del nostro comune richiedeva un’azione rigorosa e decisa per garantire un presente e per costruire un futuro sostenibile e sempre più stabile per la nostra città. Come avrete notato, abbiamo affrontato diverse difficoltà finanziarie nel recente passato. Tuttavia, attraverso il duro lavoro del nostro assessore condiviso con tutti noi e l’impegno dei collaboratori, abbiamo raggiunto importanti traguardi e iniziato a porre le basi per un futuro migliore. Il piano di riequilibrio finanziario è un passo cruciale in questa direzione”. Golia ammette: “So che ci sono ancora domande e preoccupazioni da parte di molti consiglieri comunali”, “ma oggi – continua – è il momento di concentrarsi sulla necessità di approvare questo piano. Senza un solido piano di riequilibrio finanziario, rischiamo di compromettere il lavoro di questi anni e le finanze del nostro comune e di mettere in pericolo i servizi per i nostri cittadini”. “Uniti con la città – conclude il sindaco – continueremo a ricercare soluzioni concrete ed a prendere decisioni importanti per il futuro di questa bellissima comunità. Approvare il piano di riequilibrio finanziario non è solo un’opzione, ma una necessità assoluta per il nostro successo collettivo”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico