Home

Il clan dei Casalesi dietro il contrabbando dei carburanti: 37 arresti e sequestri per 50 milioni

Tra le province di Salerno, Napoli, Avellino, Caserta, Cosenza e Taranto, i comandi provinciali dei carabinieri e della Guardia di finanza di Salerno e del Nucleo di polizia economico finanziaria di Taranto, su delega delle Direzione distrettuale antimafia di Potenza e Lecce, hanno dato ordine di 45 misure cautelari personali (26 in carcere, 11 agli arresti domiciliari, 6 destinatari di divieto di dimora e due misure interdittive della sospensione dall’esercizio delle rispettive funzioni di due carabinieri per la durata di sei mesi) nei confronti di altrettanti indagati indiziati di associazione mafiosa, associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi in materia di accise e Iva sugli olii minerali, intestazione fittizia di beni e società, riciclaggio, autoriciclaggio e impiego di denaro di provenienza illecita. Sequestrati anche immobili, aziende, depositi e flotte di auto-articolati per un valore di 50 milioni di euro. – continua sotto –

Sono oltre cento gli indagati nell’indagine congiunta e coordinata delle procure di Lecce e Potenza, denominata “Febbre dell’Oro Nero”, che hanno fatto emergere l’infiltrazione di distinte ma collegate organizzazioni criminali operanti a Lecce, Potenza e nel Vallo di Diano, che si trova al confine tra Campania e Basilicata, nonché nella provincia di Taranto, tutte ruotanti intorno ad importanti famiglie mafiose, riconducibili al clan casertano dei Casalesi e quello tarantino dei Cicala, il cui “core business” era rappresentato da un contrabbando di idrocarburi che ha procurato allo Stato danni economici per decine di milioni di euro, a cui ha corrisposto un eguale guadagno per tali sodalizi. – continua sotto –

In sostanza, venivano vendute ingentissime quantità di carburante per uso agricolo, che beneficia di particolari agevolazioni fiscali, a soggetti che poi lo immettevano nel normale mercato per autotrazione, assai spesso utilizzando le cosiddette pompe bianche. I tarantini fornivano ai lucani periodicamente un elenco di nominativi le cui identità fiscali e i libretti Uma venivano clonate in modo che le imprese del sodalizio campano/lucano, di derivazione casalese, potessero fatturare fittiziamente la vendita del carburante per uso agricolo a tali ignari imprenditori agricoli, mentre i realtà il prodotto veniva venduto in nero a operatori economici che lo immettevano fraudolentemente nel mercato per autotrazione con guadagni di circa il 50% sul costo effettivo di ogni litro di benzina e nafta venduti. – continua sotto –

Inoltre, i due sodalizi, attraverso meccanismi informatici, ingannavano il sistema telematico dell’Agenzia delle Entrate, che non era in grado di consegnare la fattura elettronica al fittizio cliente/agricoltore apparente destinatario del carburante che, quindi, rimaneva inconsapevole della finta operazione di vendita effettuata utilizzando il suo nominativo. Una vera e propria “miniera di oro nero”. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico