Società

Gricignano, protestano operatori ecologici: raccolta rifiuti a rischio per l’8 gennaio

di Antonio Taglialatela

Gricignano (Caserta) – “La nostra salute non è merce di scambio”. E’ lo slogan che accompagnerà la protesta pacifica dei lavoratori addetti al servizio di igiene urbana a Gricignano, in forza alla “Econova” e appartenenti al sindacato Flaica Cub, in programma venerdì 8 gennaio, dalle ore 6 alle 13, in piazza Municipio, davanti alla casa comunale. Per quella giornata, quindi, la raccolta rifiuti è a rischio. – continua sotto – 

 “I lavoratori scenderanno ancora una volta in piazza per protestare per le condizioni di sicurezza inesistenti in cui devono operare quotidianamente”, fa sapere Raffaele Docimo della segretaria regionale dell’organizzazione sindacale. “Da mesi ormai – spiega l’esponente della Flaica Cub – denunciamo tutte le condizioni insopportabili di rischio per la salute dovute alle continue carenze nell’applicazione delle più elementari disposizioni di sicurezza dei lavoratori. Purtroppo, nel cantiere di Gricignano giocare a scaricabarile è lo ‘sport’ principale”. – continua sotto – 

“E’ inutile e pretestuoso sentirsi dire dai responsabili aziendali che siamo un sindacato irresponsabile”, sottolinea Docimo, facendo riferimento alle dichiarazioni rilasciate a Pupia, qualche settimana fa, dalla dirigenza della Econova che aveva accusato di irresponsabilità dipendenti e sindacato per voler creare disagi alla cittadinanza, soprattutto in un contesto storico particolare caratterizzato dall’emergenza Covid (leggi qui). – continua sotto – 

Da parte sua, invece, il rappresentante del sindacato ritiene che “la cittadinanza merita un servizio degno, cosi come i lavoratori meritano un lavoro altrettanto degno in sicurezza e nel rispetto delle regole e dei diritti”. “Fino a che la società Econova non si renderà conto che la salute dei lavoratori non è merce di scambio – conclude – i lavoratori manterranno viva la protesta”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico