Carinaro

Carinaro, incarico in Osservatorio su Centrale Garigliano: scontro Dell’Aprovitola-Masi

Carinaro – Vengono “scomodati” persino George Orwell e Oscar Wilde nella polemica sollevata dal gruppo di opposizione “Carinaro nel Cuore”, guidato da Annamaria Dell’Aprovitola”, dopo la nomina di Stefano Masi, consigliere comunale e capogruppo della maggioranza a sostegno del sindaco Nicola Affinito, nell’Osservatorio Ambientale per lo smantellamento (“decommissioning”) della centrale nucleare del Garigliano.

“Diceva Orwell: tutti gli animali sono uguali ma alcuni animali sono più uguali degli altri”, esordisce, in una nota, il gruppo di “Carinaro nel Cuore”, continuando: “Mentre il sindaco di Carinaro, Affinito, sbraita contro l’Asi, colpevole, a suo dire, di far politica, per avere ospitato il presidente della Regione Campania, De Luca, in un’iniziativa sull’area industriale di Aversa Nord; mentre i Masi, da anni ormai, chiedono la chiusura del carrozzone Asi; mentre l’amministrazione Dell’Aprovitola ha pagato il prezzo per qualche incarico politico riconosciuto ad altri (e non certo a se stessa); l’attuale capogruppo di maggioranza, Stefano Masi, fa bingo grazie alla nomina nella Sogin, quale rappresentante della Regione Campania. Egli si va ad accomodare nel cda dell’Osservatorio Ambientale per il decommissioning della Centrale nucleare del Garigliano. Intanto, cogliamo l’occasione per formulargli i migliori auguri di buon lavoro e i complimenti per aver ‘superato’ la difficile prova d’esame, grazie alle sue peculiari competenze in tema ambientale e nucleare. Ovviamente scherziamo”.

“Il sindaco Affinito e l’intera Amministrazione – continuano dall’opposizione – composta di giovani che dovrebbero creare condizioni politiche per favorire i livelli occupazionali, probabilmente di tutto ciò non sanno nulla, visto che anche noi non ne eravamo a conoscenza, fino a qualche giorno fa. Ma ora che ne sono stati informati, in nome di quella trasparenza tanto lamentata nei confronti dell’Asi, per la scarsa accessibilità del loro sito istituzionale, farebbero altrettanto bene a chiedere di conto, al loro capogruppo, quali sono le straordinarie conoscenze che possiede, sia in materia ambientale, che in materia di dismissione degli impianti nucleari, da consentirgli di ottenere un compenso pari ad 66.960 euro (si veda tabella allegata), per il triennio 2020-2022? Per essere più chiari, il signor Masi guadagnerà più di 1.800 euro mensili, per starsene comodamente tutti i giorni in Comune a Carinaro”.

“Sarebbe una domanda legittima – continua la nota dell’opposizione – visto che tanti giovani Carinaresi, magari con una laurea in tasca, fanno sacrifici enormi nel tentativo di sbarcare il lunario. Gli stessi giovani per i quali, l’attuale maggioranza consiliare, nell’appena trascorsa campagna elettorale, ha detto di voler far tanto. ‘Prima i Carinaresi’ gridavano dai palchi ” o addirittura ‘Carinaro hai Carinaresi’, scriveva qualche loro ‘illustre’ sostenitore. Ma non solo i giovani: tanti sono stati i traditori e i sostenitori di questa Amministrazione che anelavano un incaricuccio. Evidentemente, il Masi ha pensato bene che chi fa da sé, fa per tre! Che male c’è. In fondo, è carinarese anche lui. Per gli altri? Per gli altri ci sarà tempo!”.

LA REPLICA DI MASI – Ma la replica di Masi non si fa attendere: “Sono piuttosto sorpreso da come l’opposizione consiliare di Carinaro stia speculando in queste ore su un incarico professionale conferitomi dal Ministero dell’Ambiente nel marzo 2019. Al tempo, infatti, ero un privato cittadino, né io né nessun mio familiare ricopriva cariche pubbliche, e la mia candidatura al Consiglio comunale non era neanche cosa certa. Invece di scendere in volgari polemiche mi sarei aspettato, al contrario, che il gruppo ‘Carinaro nel Cuore’ in questi giorni si facesse sentire per sostenere pubblicamente il nostro Sindaco sulla preannunciata vertenza che sarà necessario aprire con il Consorzio Asi di Caserta se non riconoscerà il ruolo centrale che il nostro Comune deve avere nel processo di industrializzazione del nostro territorio. Su tale iniziativa politica, al contrario, un compiaciuto silenzio: Dell’Aprovitola e soci, evidentemente, pur di contrastarci, sono contenti che Carinaro sia tenuta distante dalle iniziative del Consorzio Asi. Come a dire: ‘Muoia Sansone con tutti i filistei’. È evidente che per loro prima degli interessi della nostra comunità vengono le beghe! A ben pensarci, d’altronde, non dovrei esser particolarmente sorpreso di simile miserevole atteggiamento, stante la pochezza dell’iniziativa politica di cui, ad oggi, si sono dimostrati capaci i componenti del gruppo consiliare ‘Carinaro nel Cuore’, parte dei quali ancora non ha aperto bocca in Consiglio comunale”.

“La pietra dello scandalo, ad ogni modo, – sottolinea Masi – sarebbe un incarico che il predetto Ministero mi ha conferito, attribuendomi compiti principalmente di vigilanza sulle attività di smantellamento della Centrale nucleare del Garigliano e di verifica sulla correttezza delle attività di dismissione dell’impianto, compiti finalizzati all’accertamento che esse non causino problemi ambientali. Chiarisco, innanzitutto, che non si tratta di un cda, in quanto l’Osservatorio di cui sono componente non dispone e non amministra il becco di un quattrino. È opportuno chiarire, inoltre, che l’Osservatorio in questione è composto al 50% proprio da avvocati che, per la maggior parte di essi, proprio come me, si occupano quotidianamente di diritto pubblico. E ciò è del tutto ragionevole in quanto il Testo Unico sull’Ambiente, atto normativo di riferimento per chi ricopre questo ruolo, afferisce al diritto pubblico, la branca del diritto di cui mi occupo quotidianamente da cinque anni e nella quale ho conseguito anche un Master di II livello presso l’Università di Roma ‘La Sapienza’. Più in generale dovrebbe esser noto a chi guida l’opposizione, avendo, tra l’altro, in tasca il titolo di dottore in giurisprudenza, che nelle controversie giurisdizionali di diritto pubblico c’è sempre una pubblica amministrazione, pertanto chi fa il mio lavoro ha altissime possibilità di prestare consulenza o assistenza a una pubblica amministrazione”.

“Insomma, – prosegue il capogruppo della maggioranza – lavoro e lavorerò anche in futuro per Enti pubblici e, soprattutto, non mi sono avvantaggiato della carica di consigliere comunale, che oggi ho, ma che a marzo 2019 non avevo: pertanto non ho rubato niente a nessuno, tantomeno ad alcun carinarese; ben diverso sarebbe stato se tale incarico professionale, a me o a miei parenti, fosse stato conferito dall’Ente che oggi rappresento o da Enti di cui il Comune di Carinaro detiene quote di partecipazione sociale. E dico ciò perché si mormora che durante l’amministrazione Dell’Aprovitola siano stati conferiti, anche (ma non solo!) da Enti di cui Carinaro ha quote di partecipazione sociale o comunque a cui versa fior di quattrini per l’erogazione di servizi consortili, numerosi incarichi professionali a parenti di componenti di quell’amministrazione. Se ciò corrispondesse al vero è chiaro che questo sarebbe quantomeno disdicevole. In tal senso, comunico che, a breve, nella qualità di consigliere comunale mi occuperò anche di effettuare tali verifiche, accedendo presso gli Enti di cui Carinaro è socio o a cui versa quote per utilizzo di servizi consortili, acquisendo ogni atto di conferimento d’incarico, di impegno di spesa e relativa liquidazione”.

“Pur con la speranza – conclude Masi – che da tale attività non emergano nomi noti e l’esistenza del malcostume da taluni ipotizzato, è chiaro fin d’ora che, anche solo per le cose fin qui dette, l’irrefrenabile desiderio di apparire della consigliera Dell’Aprovitola l’ha esposta all’ennesima pessima figura. Insomma, come diceva Oscar Wilde, ‘A volte è meglio tacere e dare l’impressione di essere stupidi, piuttosto che parlare e togliere ogni dubbio’”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico