Campania

“Dateci un futuro”, occupato il Liceo Scientifico ‘Cuoco’

 NAPOLI. Un drammatico sos per non far morire la scuola pubblica in Italia, per dare un messaggio forte che si rivolge alle istituzioni ma anche alle famiglie e agli operatori: “Dateci un futuro”.

Questo il senso di un documento stilato dagli ‘studenti a favore dell’occupazione’ che stanno attuando la protesta nel Liceo Scientifico Statale ‘Cuoco’ di Napoli.

“Noi studenti del liceo ‘Cuoco’ – è scritto – abbiamo occupato la sede dell’istituto per manifestare il nostro dissenso rispetto alle riforme varate dal Governo Monti e, in particolare, contro le riforme che riguardano le istituzioni scolastiche. Crediamo che il Governo tecnico sia espressione di antidemocrazia e che, invece di migliorare la situazione del Paese, motivo per cui e’ stato formato, abbia contribuito a rendere la situazione economica italiana disastrosa. Riteniamo vergognosi i tagli a settori cardine della societa’ italiana come la sanita’ e l’istruzione, mentre proprio in questi giorni sono stati stanziati 228 milioni di euro per la scuola privata, decisione che, secondo noi studenti, denota da parte del Governo Monti mancanza di etica e indifferenza verso l’istituzione della scuola pubblica”.

Prosegue il documento: “Critichiamo, inoltre, il testo che prevede norme di autogoverno delle istituzioni scolastiche statali che implicano il finanziamento da parte di enti locali e la gestione affidata a fondazioni che, dunque, entreranno negli organi di governo della scuola. Crediamo che questa ‘trasformazione’ voglia mirare ad annullare la differenza tra scuola pubblica e scuola privata. Un sistema che secondo noi studenti favorira’ le scuole di citta’ rispetto a scuole di zone montane o rurali, le scuole delle grandi metropoli, le scuole del Nord dove vi e’ una maggiore disponbilita’ di denaro e le scuole i cui dirigenti hanno gia’ stretti rapporti con personalita’ che operano sul territorio locale’’. I ragazzi del ‘Cuoco’ sono contrari a una gestione della scuola di ‘’tipo verticistico e non collegiale in cui il dirigente e’ organo monocratico insindacabile coadiuvato da un consiglio di amministrazione”.

“Pertanto, noi rappresentanti e studenti tutti ci impegniamo a preservare la nostra scuola e vogliamo dimostrare che questo nostro gesto estremo e’ proporzionale alla gravita’ del futuro della scuola pubblica. A muoverci sono soltanto i nostri ideali e non il desiderio di partecipare a un ‘rito’ di occupazione che si manifesta nel mese di novembre”, conclude il documento.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico