Società

Aversa, ortopedici americani al “Moscati” per formare l’equipe del dottor Pellegrino su tecniche innovative

di Livia Fattore

Aversa (Caserta) – Due ortopedici statunitensi presso il reparto di Ortopedia dell’ospedale “Moscati” di Aversa, diretto dal dottor Achille Pellegrino (nella foto) per trasmettere tecniche innovative che gli colleghi aversani saranno i primi ad applicare in Italia in occasione dei prossimi interventi. I due medici sono giunti in corsia nella giornata di ieri e si intratterranno per parte della settimana in corso. – continua sotto –  

La giornata clou dovrebbe essere quella di domani, ma i risultati della collaborazione italo – americana saranno resi noti solo domani. Al momento si sa che al centro degli interventi la frattura del collo del femore.

Nelle scorse settimane, l’Unità Operativa Complessa di Orto-Traumatologia del Moscati aveva avuto un altro riconoscimento. I dati aziendali ufficiali definitivi per l’anno 2021 hanno confermato la migliore performance dell’ultimo decennio, eccezionale sia in termini di efficacia che di efficienza: oltre 1300 pazienti ricoverati, di cui 1030 in regime di ricovero ordinario con 989 pazienti chirurgici, e 273 in regime di ricovero in day surgery con 272 pazienti chirurgici, per un complessivo 96% di pazienti chirurgici: il rimborso totale da parte della Regione Campania sarà di oltre 5 milioni e 640mila euro per il nosocomio normanno.

Gli indici di produttività sono nettamente superiori a quelli di riferimento regionali: il peso totale è stato di 1,65, quello medio di 1,60 mentre il peso medio chirurgico di 1,65; le giornate di degenza sono state 4347 con una degenza meda di 4,22 giorni, il tasso di utilizzo dei posti letto è stato del 92%. Oltre il 50% gli interventi di chirurgia ad alta complessità e definiti di “Chirurgia Ortopedica Maggiore”, oltre 300 le fratture del collo del femore nei pazienti over 65 trattate chirurgicamente, circa 180 gli impianti protesici di anca e ginocchio. – continua sotto –  

Tutto ciò è stato possibile grazie ad un’azione sinergica e certosina della direzione strategica dell’Asl Caserta, col direttore generale Ferdinando Russo, il direttore amministrativo Amedeo Blasotti e il direttore sanitario Marco De Fazio, in piena sintonia con la direzione sanitaria del nosocomio aversano Stefania Fornasier e, ovviamente, della Orto-Traumatologia diretta dal dottor Achille Pellegrino.

Più che rosee anche le prospettive future per lo stesso reparto: il recente arrivo della Dexa, infatti, per l’ambulatorio Fracture Liaison Service, dedicato ai degenti affetti da fratture da fragilità, altro tassello fortemente voluto dalla direzione strategica e già attivo in Orto-Traumatologia, completerà  il percorso organizzativo secondo modelli elaborati sia a livello internazionale sia a livello nazionale dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (Siot) per screenare i pazienti con fratture da fragilità.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico