Cronaca

Napoli, operai Whirlpool bloccano partenze al Molo Beverello

di Redazione

Gli operai della Whirlpool di Napoli continuano a protestare in vista della procedura di licenziamento collettivo annunciata dalla multinazionale americana. Stamani le tute blu sono giunte al molo Beverello, dove hanno bloccato le partenze di traghetti e aliscafi diretti verso le isole. – continua sotto – 

“Dopo lo sciopero del gruppo di ieri e le varie iniziative intraprese nei giorni scorsi, oggi le lavoratrici e i lavoratori di via Argine bloccano il traffico marittimo della città. La nostra richiesta è che il premier Draghi affronti in prima persona la vertenza e che faccia sentire tutto il suo peso istituzionale alla multinazionale. Ci aspettiamo azioni diverse oltre alla solidarietà, che alle parole corrispondano i fatti. Il governo stia dalla parte giusta, stia con le lavoratrici e i lavoratori di via Argine che chiedono il rispetto della loro dignità e non campare di ammortizzatori sociali. La multinazionale ritiri la procedura e si riprenda il tavolo subito. Il tempo non è una variabile indefinita, scorre e la procedura di licenziamento avviata deve essere fermata”. È quanto afferma il segretario generale della Fim Cisl di Napoli, Biagio Trapani. “Noi come Fim insieme alla Cisl ed alle altre organizzazioni – ricorda il segretario – non lasceremo soli i lavoratori e le lavoratrici della Whirlpool di Napoli e siamo convinti che anche il segretario Letta saprà da quale parte stare e con posizioni nette”. “La vertenza Whirlpool – conclude Trapani – è emblematica per tutto il Paese, crediamo sia necessario il ritiro da parte della multinazionale della procedura di licenziamento, non c’è tempo da perdere inutilmente, occorre ritornare al tavolo e creare condizioni di confronto con il governo per trovare una soluzione Industriale seria e stabile per i lavoratori di via Argine e dell’indotto”. – continua sotto – 

Striscione sul Maschio Angioino – Uno striscione con la scritta Whirlpool è stato affisso dagli operai dello stabilimento di via Argine su una delle torri del Maschio Angioino di Napoli. È una delle iniziative, in corso oggi, organizzate dalle tute blu per contestare l’annunciato avvio della procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori della fabbrica di Napoli Est. “Il nostro striscione – spiegano gli operai – arriva oggi in una delle roccaforti dove nel passato si difendevano le aree della città”. IN ALTO IL VIDEO 

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico