Cronaca

Beni per 80 milioni sequestrati al “re degli assalti” ai portavalori

di Redazione

Beni per un valore complessivo pari a 80 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri a Giuseppe Magno, 55enne di Andria, arrestato il 18 aprile dell’anno scorso dopo 11 anni di latitanza e considerato dagli inquirenti il re degli assalti ai danni dei portavalori. Si tratta di beni mobili e immobili tra cui aziende, beni di lusso, appartamenti e conti corrente. – continua sotto – 

Il provvedimento è stato emesso dall’Ufficio misure di prevenzione del Tribunale di Bari, su proposta della procura di Trani, che ha ricostruito “la provenienza illecita delle risorse finanziarie utilizzate dal 55enne e dai suoi più stretti familiari”, dimostrando come nel corso degli anni sia riuscito a investire i proventi “delle sue attività delittuose”, dicono gli inquirenti, “nell’acquisto di beni e nella creazione di varie aziende agricole”. – continua sotto – 

Il primo arresto a carico dell’uomo risale al 1988 per un furto di auto. Da allora, riportano i carabinieri, ha collezionato furti, ricettazioni, rapine, reati in materia di armi e rapine a portavalori fino al tentato omicidio di una guardia giurata durante un fallito assalto a bancomat. Poi la latitanza e l’arresto dell’aprile dello scorso anno. Al 55enne e alla sua famiglia sono stati sequestrati 119 terreni agricoli, per un’estensione totale di oltre 530 ettari, 3 aziende agricole, 6 autovetture (tra cui una Porsche Panamera), disponibilità finanziarie varie e 29 immobili, tra cui un autoparco di via Canosa e il “Castello”, la sua abitazione e simbolo del suo potere del valore stimato di circa tre milioni di euro. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico