Cronaca

Palermo, mafia nigeriana: sgominato anche il gruppo dei “Viking”

di Redazione

Operazione “Disconnection zone” della Polizia di Stato che ha eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, a carico di otto extracomunitari nigeriani, emesso dalla Procura distrettuale antimafia.

Dopo l’operazione di tre anni fa che ha azzerato la confraternita “Black Axe” e quella dello scorso aprile che ha portato in carcere 13 appartenenti all’altra confraternita mafiosa nigeriana, gli “Eyie”, questa mattina la Squadra mobile ha colpito il terzo gruppo, i “Viking”, che negli ultimi mesi aveva ottenuto la supremazia dello spaccio e dello sfruttamento della prostituzione a Ballarò. Gli otto fermati devono rispondere di associazione a delinquere di stampo mafioso, con la commissione di delitti contro la persona, soprattutto in occasione di scontri con i cult rivali per il controllo del territorio e la supremazia all’interno della comunità nigeriana.

Le indagini hanno accertato, inoltre, la presenza di numerose case di prostituzione nel centro storico di Palermo e registrato numerosi episodi di spaccio di stupefacenti. “Sgominata una base operativa della mafia nigeriana a Palermo. Grazie alla polizia di stato e agli inquirenti! nessuna tolleranza per i clan, da nord a sud. E carcere ed espulsioni per chi porta la guerra in casa nostra”, il commento del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico