Cronaca

Scuola, bambini derisi e umiliati: sospese due maestre

di Stefania Arpaia

Rieti – “Non capisci niente”, “fai pena”, “non sai fare niente”, “vi faccio fare a capocciate”, “ti appiccico al muro”, sono queste alcune delle frasi che delle insegnanti urlavano ai propri alunni per spaventarli. 

I maltrattamenti sono stati scoperti in una scuola di Borgorose, in provincia di Rieti. Le indagini erano state avviate lo scorso aprile dopo le denunce presentate da alcuni genitori a seguito delle confidenze ricevute dai loro figli che accusavano crisi di pianto, mal di pancia, vomito e difficoltà ad addormentarsi, avevano paura delle maestre e si rifiutavano di andare a scuola.

I bambini, come testimoniato dalle telecamere dei militari dell’Arma, erano continuamente sgridati e sottoposti a spintoni, derisioni e umiliazioni. Due le insegnanti che sono state sospese.

Le donne, tra gli episodi contestati, avrebbero anche schernito alcuni alunni davanti ai compagni invitando, in alcuni casi, gli altri ragazzini a fare altrettanto. Un alunno con i “piedi piatti” è stato costretto a camminare in classe per essere deriso in pubblico mentre una delle due maestre lo imitava.

Disposte delle sedute psicologhe per i bambini. Secondo il consulente psicologo della Procura, queste esperienze potrebbero avere ripercussioni negative sul loro sviluppo. Uno degli alunni avrebbe addirittura raffigurato le donne come diavoli. 

L’inchiesta è stata svolta dai carabinieri, coordinati dal capitano Emanuela Cervellera, che hanno effettuato intercettazioni ambientali, realizzate installando telecamere nascoste nell’aula che hanno ripreso scene inequivocabili.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico