Italia

Maltempo, due morti nel Ticino. 400 evacuati in Valtellina

 MILANO. Il maltempo nella zona del Ticino, fra le province di Milano e Pavia, causa due vittime: un uomo e il suo piccolo figlio sono stati travolti da un albero, ceduto per le forti piogge, e dopo essere stati scaraventati nel fiume sono morti.

Le vittime, due extracomunitari, stavano passeggiando nel pomeriggio lungo l’argine quando l’albero e caduto. I corpi sono stati rinvenuti nel fiume all’altezza di Bereguardo in provincia di Pavia. Anche ieri notte i violenti temporali avevano provocato una vittima. A Schilpario, nel bergamasco, Mario Maj, 65 anni, salito sul tetto di casa per verificare la stabilità di un ponteggio mentre imperversava un forte acquazzone, ha perso l’equilibrio ed è precipitato da un’altezza di cinque metri, morendo sul colpo.

Intanto, le piogge stanno provocando enormi disagi: in Valtellina quattrocento persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case ed essere evacuate a bordo di un elicottero e dei mezzi dei vigili del fuoco e della protezione civile. Salvato un ottantenne cardiopatico rimasto intrappolato nel fango. Una grossa frana ha travolto alcune case a Selvetta di Forcola, tra Sondrio e Berbenno, mentre la tatale 38 dello Stelvio è bloccata per lo straripamento di un torrente: in coda decine di turisti milanesi sorpresi dal maltempo sulla strada del ritorno. Chiuse al traffico anche le strade provinciali e la linea ferroviaria, per i circa 60 centimetri di acqua sui binari. Nubifragi e forte vento anche in Toscana: Colpite soprattutto le province di Firenze, Arezzo e anche Pisa. Le autorità hanno messo in allerta anche il Veneto, dove il maltempo si sta dirigendo.

Le previsioni meteorologiche annuncia miglioramenti da domani mattina.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico