Cronaca

Ischia, frana a Casamicciola: diversi dispersi, persone sotto il fango. Salvini: “8 morti”

di Redazione

Come riferito dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, sarebbero 8 morti accertati a Casamicciola Terme, sull’isola di Ischia, invasa da fango e detriti dopo che una frana si è verificata all’alba di stamani a causa del maltempo. Anche se il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ci va cauto: “Non ci sono morti accertati”. Sono invece al momento 12 i dispersi, fanno sapere i carabinieri. In tarda mattinata è stato trovato “il nucleo familiare con il neonato è stato ritrovato ed è in procinto di andare in ospedale. Le strutture sanitarie sono state attivate da subito”. Lo ha reso noto il prefetto di Napoli, Claudio Palomba. – continua sotto –

Sindaco di Ischia: “Una tragedia” – Sono in corso accertamenti per verificare se vi siano altre persone coinvolte. Sui luoghi del disastro sono arrivate tutte le forze dell’ordine e le associazioni di protezione civile del territorio. Da Napoli sono in arrivo uomini e macchine movimento terra dei vigili del fuoco. “E’ una tragedia, il numero dei dispersi è ancora incerto a Casamicciola. A causa del maltempo sul territorio isolano di Ischia abbiamo anche altre situazioni di difficoltà localizzate, ma per fortuna in questo caso non di particolare gravità, come allagamenti e altre situazioni trattabili ed arginabili”. Lo riferisce il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino.

Trenta famiglie isolate – Attualmente nella zona di via Celario, a Casamicciola, si stima che siano almeno 30 le famiglie intrappolate nelle proprie case e che sono senza acqua e senza luce. Si tratta in totale di circa 100 persone che devono essere ancora raggiunte. La strada che porta alle loro abitazioni, via Santa Barbara, è attualmente impraticabile per il fango, i massi e i detriti che la ostruiscono e si sta provando a liberarla con diverse macchine movimento terra e idrovore. Sono almeno 10 le case travolte dal fango, si apprende da fonti dei soccorritori. La macchina dei soccorsi è stata attivata per verificare la presenza di persone al loro interno ma si tratta di abitazioni difficili da raggiungere.

La testimonianza – “Verso mezzanotte ha iniziato a piovere fortissimo. Dalle tre abbiamo iniziato a sentire dei boati. E’ venuta giù la prima frana, poi un’altra verso le 5. Una cosa impressionante, forse peggio dell’alluvione del 2009 e tremendo quanto il terremoto del 2017”, racconta Lisa Mocciaro, illustratrice di libri per bambini, ora prigioniera in casa al terzo piano dell’abitazione di Casamicciola. Il primo piano dello stabile è stato invaso dal fango. Gli altri abitanti del palazzo hanno trovato riparo nella sua casa: i vigili del fuoco hanno consigliato di non muoversi per evitare problemi qualora la pioggia continuasse a scendere. – continua sotto –

I sindaci dell’isola: “Non uscite di casa” – Il commissario straordinario di Casamicciola Terme e i sindaci degli altri 5 comuni dell’isola d’Ischia hanno emanato un’ordinanza collegiale diretta ai cittadini con la quale chiedono di non uscire dalle proprie abitazioni per non intralciare le operazioni di soccorso. Quasi tutta Casamicciola è completamente bloccata alla circolazione stradale: le zone di Piazza Maio, via Celario, piazza Bagni sono isolate ed invase dal fango e dai detriti.

I soccorsi – “Stiamo evacuando la zona circostante a quella della frana”, ha aggiunto il prefetto di Napoli, Claudio Palomba, facendo il punto con la stampa sulla situazione di Casamicciola. “In via preventiva – ha fatto sapere – stiamo spostando tutti i nuclei familiari che vivono nella zona prospiciente alla frana e per il momento li stiamo radunando nel palazzetto dello Sport del Comune di Ischia, successivamente saranno dislocati in strutture alberghiere individuate grazie alla disponibilità di tutti i sindaci dell’isola. Se necessario, ne individueremo un numero più ampio”. Sull’isola intanto “in qualche modo” si sta ripristinando la viabilità.

La frana – Lo smottamento dalla parte alta di via Celario ha raggiunto il lungomare in piazzale Anna De Felice, intitolato alla ragazza che proprio in quella zona perse la vita travolta dal fango nell’alluvione del 2009. Il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale, in collegamento con gli altri sindaci della zona e la prefettura, riferisce che “ci sono 20-30 nuclei familiari isolati e una decina di immobili crollati”. Un uomo è stato travolto dal fango ed è stato recuperato e salvato dai soccorritori, Carabinieri, Protezione civile e Vigili del fuoco. L’uomo, portato all’ospedale Rizzoli, sta bene e dovrebbe essere dimesso a breve. Un’altra persona, un 60enne, è stato trasportato in codice rosso all’ospedale Rizzoli di Ischia. – continua sotto –

Auto e minibus finiti in mare – La massa di acqua, fango e detriti ha travolto anche decine di auto in sosta e alcuni minibus, che sono finiti in mare. I due occupanti di un’auto trascinata in mare sono stati tratti in salvo, si apprende dai vigili del fuoco. Non si conosce, invece, la sorte di altri automobilisti le cui vetture risultano finite anch’esse in mare. Sarebbero tre i veicoli finiti in acqua – secondo quanto si apprende – per i quali non si è potuto ancora accertare se vi fossero o meno persone a bordo. Attualmente il porto di Casamicciola è chiuso. Alcune persone sono rimaste bloccate all’interno dell’Hotel Terme Manzi di Casamicciola, senza corrente elettrica. Sul posto stanno arrivando i soccorsi. Lo rendono noto i Carabinieri. La circolazione stradale è bloccata in molte strade e i soccorsi faticano ad arrivare nei punti più colpiti dall’alluvione, ovvero piazza Bagni, piazza Maio e Rarone. Tutte le forze dell’ordine ed i volontari disponibili sull’isola si sono recati nelle zone colpite del comune e stanno prestando soccorso.

Piantedosi: “Soccorsi difficili, situazione grave” – “Ci sono difficoltà nelle operazioni di soccorso perché le condizioni climatiche sono molto impegnative. Stiamo inviando mezzi sia via mare che per il sorvolo aereo. Sono in stretto contatto con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e i miei colleghi ministri. E’ una situazione in evoluzione, molto grave, da seguire”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.

Crosetto dispone intervento Forze armate – In coordinamento con la Protezione civile nazionale il ministero della Difesa ha disposto l’immediato l’intervento di velivoli e uomini delle Forze armate come supporto ai soccorsi di Ischia e Casamicciola.

Meloni in contatto col ministro Musumeci: “Vicina a cittadini” – Giorgia Meloni è in costante contatto con il ministro Nello Musumeci, il Dipartimento della Protezione civile e la Regione Campania per seguire l’evoluzione della situazione. Il presidente del Consiglio ha espresso vicinanza ai cittadini, ai sindaci dei comuni dell’isola e ha ringraziato i soccorritori impegnati nella ricerca dei dispersi.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico