Società

Aversa, un corteo attraversa la città per dire “No” alla violenza sulle donne

di Redazione

Aversa (Caserta) – Grande partecipazione per la manifestazione organizzata il 25 novembre in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, in sinergia tra Comune di Aversa, associazioni e scuole per sensibilizzare i cittadini sulla tematica. – continua sotto –

Centinaia di persone hanno sfilato da Porta Napoli fino alla casa comunale di piazza Municipio, sostando per un momento di confronto davanti al “muro delle bambole”, opera dedicata alle donne vittime di violenza. In serata, la casa comunale si è illuminata di arancione (colore scelto da “Un Women” come simbolo di un futuro senza violenza sulle donne) con un incontro tra le associazioni per ricordare le vittime di violenza.

A colorarsi di arancione anche il faro che illumina l’area verde dove giace il monumento dedicato a Domenico Cimarosa, davanti alla stazione ferroviaria, “adottata” dall’associazione “Soroptimis” che ha aderito alla campagna “Orange the World”. Area che sarà inaugurata sabato 26.

Una serie di iniziative promosse dagli assessori Elena Caterino (Ambiente) e Anna Sgueglia (Cultura) e dalla delegata alle Pari opportunità Erika Alma. “È stato un gesto simbolico ma di grande forza, – ha commentato l’assessore Caterino – una marcia silenziosa per ricordare le vittime di violenza e per condannare atteggiamenti sessisti e violenti”. – continua sotto –

“Una bellissima mattinata, tantissima partecipazione, ragazze e ragazzi, giovani e meno giovani, tutti insieme, famiglie, scuole e associazioni, autorità religiose e civili”, ha detto il sindaco Alfonso Golia, sottolineando: “Prevenire la violenza vuol dire combattere le sue radici culturali e le sue cause, fin da quando si è piccoli. Per questo sono essenziali le strategie politiche mirate all’educazione, alla sensibilizzazione, e al riconoscimento di quegli atti che significano, anche nella maniera più velata, prevaricazione”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico