Cronaca

Mafia, colpo al clan palermitano di Belmonte Mezzagno: 9 arresti

di Redazione

Colpo alla famiglia mafiosa di Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo. I carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale dell’Arma hanno eseguito nove arresti, disposti dal gip su richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano. I reati contestati ai nove, finiti tutti in carcere, sono: associazione mafiosa, porto e detenzione di armi clandestine e ricettazione, questi ultimi reati aggravati dal metodo e dalle modalità mafiose. – continua sotto –  

A coordinare l’inchiesta, denominata ‘Limes’, è il procuratore aggiunto Paolo Guido. Secondo gli inquirenti il clan di Belmonte, inserito nel mandamento mafioso di Misilmeri-Belmonte Mezzagno, era caratterizzato da una “perdurante operatività”. Il mandamento colpito dagli arresti di oggi è lo stesso che dal 2008 è stato al centro di altre inchieste: da ‘Perseo’ del 2008′ a ‘Cupola 2.0’ del 2018-2019, passando per ‘Sisma’ (2009 e 2011), ‘Jafar’ e ‘Jafar 2’ (2015).

Quest’ultima indagine, iniziata nel 2020, ha fatto emergere la piena operatività di Cosa nostra in un territorio, quello di Belmonte Mezzagno, che nell’ultimo triennio è stato teatro dei più eclatanti fatti di sangue dell’intera provincia di Palermo: gli omicidi di Vincenzo Greco nel gennaio 2019, di Antonio Di Liberto e Giuseppe Benigno, rispettivamente nel maggio e nel dicembre dello stesso anno; nel febbraio del 2020 l’agguato mortale ad Agostino Alessandro Migliore, fratello di Giovanni, ritenuto dagli investigatori uomo d’onore della famiglia mafiosa di Belmonte Mezzagno e al momento in carcere.

Secondo gli inquirenti la ‘decina’ di Belmonte Mezzagno, nella quale emergerebbe la figura di Agostino Giocondo, aveva “uno stretto controllo sul territorio”. Giocondo, che apparterrebbe alla famiglia mafiosa, avrebbe curato l’attività nei settori tipici di Cosa nostra, come la risoluzione delle controversie tra privati. L’uomo, inoltre, si sarebbe attivato per il sostentamento dei detenuti della famiglia di Belmonte Mezzagno e per la restituzione della refurtiva portata via a un commerciante organico alla famiglia mafiosa, e anche lui arrestato, con il quale avrebbe influito anche nella libera concorrenza di mercato tra aziende del territorio. – continua sotto –  

C’è poi il capitolo dedicato alle armi nella disponibilità della famiglia mafiosa di Belmonte, inoltre, delle quali solo due sono state rinvenute: un fucile da caccia marca Winchester calibro 12 con matricola parzialmente punzonata e un revolver calibro 38 special Smith & Wesson con matricola abrasa. La pistola, provento di una vecchia rapina, è stata sequestrata nel corso di un tentativo di venderla ad alcuni palermitani. Giocondo sarebbe stato anche il custode dell’arsenale della famiglia.

In una nota i carabinieri sottolineano che la mafia di Belmonte Mezzagno ha una “costante operatività” e una “capacità di controllo e condizionamento del territorio” operata “in modo pervasivo” nonostante l’incessante azione di contrasto condotta negli ultimi decenni dallo Stato. “Esprimo il mio apprezzamento al nucleo investigativo del Reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Palermo e alla Dda per aver disarticolato l’intera famiglia mafiosa di Belmonte Mezzagno”, commenta il sindaco metropolitano di Palermo, Leoluca Orlando, per il quale “questa operazione conferma, ancora una volta, la grande presenza dello Stato sempre pronto, grazie ad importanti e puntuali attività di indagine, ad arginare il potere mafioso. Continuare a colpire la forza militare e il potere economico di Cosa nostra è indispensabile per garantire libertà e democrazia”. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico