Società

Aversa, ambulatori perizie Giudice di Pace e Legge 104: stesso posto ma con divario di attrezzature

di Antonio Arduino

Aversa (Caserta) – “Perché gli ambulatori di medicina legale destinati agli specialisti incaricati dal Giudice di Pace e agli specialisti Asl presenti in via Santa Lucia non sono tutti uguali per quanto riguarda le condizioni e le attrezzature?”. Questa la domanda posta da un lettore di Pupia che, sperando di ottenere risposta, racconta la curiosa esperienza fatta recandosi agli ambulatori di medicina legale dell’azienda sanitaria posti nella sede aziendale di via Santa Lucia. – continua sotto –  

“Per cause diverse – racconta – mi sono dovuto recare due volte in quegli uffici. Una volta dal medico incaricato dal Giudice di Pace per essere sottoposto a perizia per la valutazione del danno prodotto da un incidente automobilistico, un’altra volta per essere visitato dagli specialisti dell’Asl per aver richiesto l’applicazione della legge 104. Stesso ambiente ma locali diversi e ben separati, come ho letto dalle indicazioni presenti”.

“La cosa che ha suscitato la mia curiosità è stata – continua il nostro lettore – il vedere che mentre l’ambulatorio occupato dal perito nominato dal Giudice di Pace era dotato di apparecchio per vedere le radiografie, lettino per visite con copertura di carta monouso, lavandino perché il medico potesse lavare le mani tra una visita e l’altra, arredo nuovo, l’ambulatorio occupato dal medico dell’Asl che doveva visitarmi per la legge 104 mancava di tutto questo. Il lavandino non c’era, sul lettino non c’era la carta monouso per coprirlo ad ogni visita, non c’era l’apparecchio per vedere le radiografie e l’arredamento era chiaramente vecchio e usurato”.

“Considerando che i due ambulatori erano sullo stesso piano della medesima struttura dell’Asl e che differivano solo perché su uno era scritto medicina legale e sull’altro Asl medicina legale, per far intendere che si trattava di ambulatori con destinazioni differenti, mi è venuto spontaneo domandare perché non fossero statie attrezzati entrambi alla stessa maniera. Così ho provato a chiedere ma nessuno mi ha dato risposta. Spero possa arrivare da voi”, conclude il lettore. – continua sotto –  

Purtroppo, anche per noi non è stato possibile ottenere ragguagli. La sola risposta ottenuta dagli operatori dell’Asl è stata quella che “per regolamento aziendale interno non si possono avere contatti con la stampa senza l’autorizzazione preventiva della direzione generale”. A questo punto, non resta che segnalare il problema, sperando che la direzione generale risponda.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico