Politica

Aversa, buoni spesa, sgravi Tari e bonus affitti. Golia: “Aiuti concreti alle famiglie”

di Nicola Rosselli

Aversa (Caserta) – Buoni spesa, sgravi Tari e bonus affitti. Non solo richieste di pagamento di tributi e tasse da parte dell’amministrazione comunale di Aversa, guidata dal sindaco Alfonso Golia. – continua sotto – 

Dopo essere stati tacciati di aver scelto di tartassare i cittadini aversani con l’aumento dell’oltre il 20 per cento delle cartelle esattoriali relative alla Tassa Rifiuti (Tari), gli amministratori comunali aversani non si limitano allo slittamento della scadenza delle due rate (sino allo scorso anno erano tre e prima ancora quattro) da dicembre al 31 gennaio e da metà gennaio a fine febbraio, ma hanno anche adottato una serie di misure atte ad andare incontro sia le famiglie che gli imprenditori in difficoltà. Insomma, una risposta concreta a chi aveva tacciato l’amministrazione Golia di non avere in debito conto l’attuale non florida situazione economica.

«Con i buoni spesa e gli sgravi Tari erogati in questo periodo di festività – ha spiegato il primo cittadino normanno – daremo un aiuto concreto alle famiglie ed alle attività economiche che più di tutte stanno pagando anche per gli effetti economici della pandemia. Visto che la procedura è completamente digitalizzata abbiamo scelto di concedere una proroga fino a giovedì prossimo, 23 dicembre, per l’inoltro delle domande per i bonus spesa così come per il bonus Tari per le famiglie».

Di cosa si tratta nello specifico, è ancora il sindaco Golia a dettagliarlo: «Misure rivolte ai nuclei familiari in stato di bisogno ed ai nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. È possibile richiedere entrambe le misure (buoni spesa e riduzione Tari), in questo caso la richiesta deve essere presentata solo ed esclusivamente a nome del contribuente che risulta iscritto nel registro dei tributi comunali». L’esponente Dem fa anche una precisazione che suona, in verità, più come una raccomandazione: «In ogni caso, è possibile presentare richiesta una sola volta per entrambe le misure per ciascun nucleo familiare, ovvero la richiesta non è replicabile da nessuno dei membri dello stesso nucleo, lo ricordo perché, oltre a rallentare il lavoro istruttorio degli uffici, la pena è l’esclusione dal beneficio di entrambe le istanze prodotte dai componenti dello stesso nucleo familiare. Quindi facciamo attenzione. Anche per semplice distrazione si può sbagliare». – continua sotto – 

Questo per quanto riguarda il sussidio e il bonus Tari per i nuclei familiari in difficoltà economiche. Il sindaco evidenzia, in relazione al bonus Tari, invece: «Sulla tassa per lo smaltimento rifiuti ci sono anche agevolazioni per le attività economiche che, vanno ad aggiungersi a quelle dello scorso anno. È anche questo un modo per sostenere il principale tessuto economico cittadino». Aversa è, infatti, città di commercio. «Inoltre, – conclude Golia chiudendo l’argomento – è bello ricordare che anche quest’anno abbiamo scelto di muoverci con equità, rigore e trasparenza per far sì che questo sostegno arrivi a chi ha realmente bisogno ed in questo senso ci saranno controlli adeguati».

Parte dalla Regione Campania, invece, sempre in tema di sussidi per i nuclei familiari in difficoltà, il bonus fitti. Per richiedere il contributo è necessario: avere un Isee non superiore a 22.500 euro; essere intestatari di un contratto di locazione valido nel 2021 e regolarmente registrato; essere in regola con il pagamento dei canoni di locazione 2021; non aver usufruito del reddito di cittadinanza ed in particolare della quota del reddito destinata all’affitto. Per compilare la domanda, l’intestatario del contratto deve avere disponibile: lo spid, l’attestato Isee, il contratto di locazione, il numero di Iban (con conto intestato al richiedente). Le domande potranno essere caricate nell’apposita piattaforma a partire dal 15 dicembre e fino al 2 febbraio 2022 entro le ore 18, esclusivamente on-line.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico