Napoli

Dopo 6 anni riapre l’Acquario di Napoli: è tra più antichi del mondo

Dopo sei anni di lavori riapre al pubblico l’Acquario di Napoli, con i suoi quasi 150 anni di storia uno dei più antichi del mondo. È simbolica anche la giornata scelta per la restituzione di questo bene alla cittadinanza, la giornata mondiale degli oceani, che quest’anno pone l’accento sul ruolo fondamentale dei mari per la preservazione della terra. Tra le prime persone a visitare il cuore pulsante della stazione zoologica “Anton Dohrn” nella villa comunale di Napoli anche il presidente della Camera Roberto Fico. – continua sotto – 

“Finalmente – ha detto la terza carica dello Stato – abbiamo restituito alla città un posto straordinario, che è la storia, una parte della storia di Napoli e il cuore pulsante della ricerca sul mare. È un posto centrale per il nostro Paese. Il mare è la nostra vita, la nostra risorsa e questo è il posto per fare ricerche all’avanguardia”. Hanno visitato l’acquarium questa mattina anche il sindaco Luigi de Magistris, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, la sottosegretaria alla Transizione ecologica Ilaria Fontana e l’ex ministro dell’Università Gaetano Manfredi. “Napoli – ha commentato de Magistris – è naturalmente candidata a essere la capitale della biodiversità in un momento storico in cui c’è l’incombenza del pericolo di distruzione di specie, della natura che viene aggredita. Il risultato di oggi, la riapertura dell’acquario più antico del mondo in un contesto straordinario, è un successo della collaborazione istituzionale”. – continua sotto – 

Costruito nel 1874, l’acquario storico conserva l’architettura originaria dell’Ottocento anche a seguito degli interventi di riqualificazione eseguiti a partire dal 2015. Strutturato in 19 vasche, ospita più di 200 specie animali e vegetali distribuite in nove diversi habitat che ricostruiscono gli ambienti che possiamo incontrare nel Mediterraneo, dai primi metri di profondità agli ambienti profondi. Include anche delle vasche con pesci tropicali che simboleggiano i cambiamenti in corso nel Mediterraneo, sempre più popolato da specie che stanno entrando dal Mar Rosso e altri ambienti tropicali. Sono stati inseriti anche reperti di archeologia subacquea come anfore vinarie e olearie di epoca romana e ancore litiche. L’aquarium include ambienti particolari che sono di grande risalto per le ricerche storiche e presenti: le vasche del polpo e delle grotte marine, il murenario romano, il parco archeologico sommerso di Baia, la seppia e il cavalluccio marino mediterraneo. Gli organismi tropicali forniscono un’idea di come potrebbero trasformarsi alcuni ambienti del Mediterraneo nei prossimi decenni. – continua sotto – 

L’acquario è visitabile a partire da oggi, con ingresso gratuito per la cittadinanza (ma è obbligatoria la prenotazione su shop.aquariumnapoli.it). Da sabato si potrà accedere con un ticket a pagamento che per i bambini costerà 5 euro. “Mettiamo a disposizione gratuitamente anche la guida – ha detto Roberto Danovaro, presidente della stazione zoologica Anton Dohrn – perché non vogliamo solo far vedere un acquario come un televisore con dei pesci all’interno, ma vogliamo spiegare l’importanza degli ecosistemi marini e della loro protezione. I bambini sono il nostro futuro e, se loro lo capiscono, proteggerli sarà più facile. L’acquario crescerà ancora ogni mese e da qui a Natale apriremo nuove vasche”. – continua sotto – 

“La particolarità dell’aquarium – ha aggiunto Claudia Gili, direttrice del Cape, dipartimento di conservazione animale & public engagement – è sempre stata quella di offrire al pubblico una visione sulla vita che prospera a poche decine di metri dalla villa comunale. È facile immaginare la meraviglia dei visitatori alla fine dell’Ottocento che si trovavano davanti per la prima volta un mondo davvero alieno, qualcosa che oggi diamo quasi per scontato, ma che all’epoca era paragonabile a un’opera di Wells o di Verne divenuta realtà. Ed è proprio questa particolarità che abbiamo voluto conservare: in un mondo in cui gli acquari tendono alle dimensioni enormi e alla spettacolarizzazione, noi abbiamo voluto mantenere il valore storico della struttura ottocentesca pur integrando nuovi impianti e tecnologie per garantire il benessere dei nostri ospiti”. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico