Napoli

Conte a Napoli: “Dialogo con il Pd, ma se è impossibile non mi straccio le vesti”

Il “dialogo” con il Pd e centrosinistra “ha dato già i suoi frutti, è normale continuare” per “realizzare il progetto di società che vogliamo”. Lo ha detto il leader in pectore del M5s Giuseppe Conte, aggiungendo. “Questo non significa che abbiamo un’alleanza strutturata. Laddove non sia possibile non mi straccio le vesti, perché le fusioni a freddo non funzionano”. Ancora, sull’ipotesi chiarisce: “Queste operazioni forzate calate dall’alto non funzionano. Io sto ascoltando molto i territori tutti i giorni, per raccogliere sensibilità. E se gli iscritti lo vorranno, sarò il nuovo leader”. – continua sotto – 

Sul doppio mandato Conte spiega: “Deciderò io quando sarà il momento di parlarne, ma si deciderà tutti insieme con la comunità del Movimento 5 stelle. Il Movimento è unito, se qualcuno parla a titolo personale è perché ha una personale opinione fuori dal progetto Napoli”, sottolinea a Napoli durante una conferenza stampa con il candidato sindaco Gaetano Manfredi sulle voci interne ai Cinquestelle critiche sull’accordo con il Pd a livello locale. “Non mi sono mai definito un federatore – sottolinea l’ex premier -, sono etichette dei giornali che mi lasciano abbastanza indifferente. Sto lavorando per il Movimento 5 stelle e con il Movimento 5 stelle presenteremo a giorni questo progetto”. Poi aggiunge: “Dove voglio portare il M5s? Al primo posto, partito di assoluta maggioranza”. – continua sotto – 

Rivendicando poi “appieno” la misura di sostegno al reddito di cittadinanza dal suo governo, sottolinea: “Il reddito di cittadinanza non è un ostacolo all’occupazione, ha un’altra funzione ossia rappresentare una cintura di protezione”. E mette in chiaro: “Tanti professoroni, tanti abitanti delle Ztl avversavano il reddito di cittadinanza. Dicevano che era una misura assistenziale, ma io la rivendico appieno. E’ una misura di inclusione sociale. Come possiamo amministrare il bene comune senza pensare a quelle fasce di popolazione che non hanno di che mangiare, che sono al di sotto del contesto della vita politica economica e sociale del Paese?”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico