Home

Tiziana Cantone, la salma sarà riesumata: ora si indaga per omicidio

Dovrebbe avvenire nella prima decade di giugno la riesumazione, disposta dalla Procura di Napoli Nord, della salma di Tiziana Cantone, la 31enne che si sarebbe tolta la vita il 13 settembre del 2016 in un’abitazione a Mugnano, in provincia di Napoli, dopo la pubblicazione sul web di alcuni suoi video privati. A chiedere ed ottenere il provvedimento è stato il sostituto procuratore Giovanni Corona nell’ambito delle indagini aperte di recente che ipotizzando, al momento contro ignoti, il reato di omicidio. – continua sotto – 

Tiziana, quindi, potrebbe essere stata uccisa. La giovane fu trovata impiccata nella cantina dell’abitazione di una zia a Mugnano, in via Rossetti. Il caso venne classificato come suicidio. Ad indurre la 31enne all’estremo gesto sarebbero stati dei video privati, che la ritraevano in atteggiamenti intimi, finiti su internet a sua insaputa, compresi siti porno. La Procura di Napoli Nord ha, infatti, aperto anche un fascicolo per frode processuale dopo che è emersa la presunta cancellazione dei dati contenuti sull’iPad e sull’iPhone di Tiziana. Cancellazione che sarebbe avvenuta mentre i due dispositivi erano in possesso dei carabinieri che indagavano sulla morte della 31enne. – continua sotto – 

L’accesso agli account di Tiziana è stato ottenuto dagli esperti dell’Emme-Team, il gruppo di studi legali con sede a Chicago che assiste Teresa Giglio, madre della 31enne. Sono emersi i nomi di tutte le persone (tra cui professionisti ed esponenti delle forze dell’ordine) con cui Tiziana era in contatto e, soprattutto, le prove certificate delle manomissioni avvenute, includendo tra le prove scoperte il numero di telefono dello smartphone usato per l’accesso non autorizzato e la localizzazione di dove ciò è avvenuto. 19 le “anomalie” accertate dal team di esperti, di cui fa parte anche l’avvocato Salvatore Pettirossi, legale difensore della Giglio. Già nella seconda metà del 2020, proprio grazie al sistema di identificazione di Emme-Team, ribattezzato “metodo Cantone”, sono stati scoperti e denunciati oltre cento presunti responsabili della diffusione dei video privati di Tiziana. Quel metodo è ora utilizzato da molte polizie giudiziarie in Italia. – continua sotto –

Secondo l’Emme-Team si sarebbe trattato di omicidio. La prova sarebbe costituita dalla pashmina che Tiziana avrebbe usato per impiccarsi e sulla quale sono state trovate tracce biologiche maschili, oltre a quelle di Tiziana e della zia, che per prima trovò il corpo della ragazza e le sfilò subito quel foulard che le stringeva il collo. Oltre a quello per frode processuale, dunque, la Procura ha dato il via ad una nuova indagine per omicidio dopo quella per istigazione al suicidio che è stata invece archiviata. In questo nuovo ipotetico scenario di omicidio sarebbe coinvolto anche un uomo, al momento senza identità, che in qualche modo sarebbe entrato in casa della zia di Tiziana, l’avrebbe trascinata in cantina e uccisa, per poi stringerle al collo la pashmina e simularne il suicidio. Stando alle risultanze investigative, in quella cantina non emersero, tuttavia, segni di lotta. Oltre alle tracce biologiche maschili sul foulard, a supporto della nuova tesi legata all’omicidio ci sarebbero anche la profondità della ferita e la posizione del collo che non sembrano più spiegare il suicidio, difficile da attuare con una panca ginnica.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico