Politica

Aversa, Orabona: “Più che una Giunta sembra la Famiglia Addams”

di Redazione

Aversa (Caserta) – di Isidoro Orabona (responsabile regionale “Seniores” di Forza Italia) – «E’ cosa risaputa che non esiste nulla di più effimero dell’arcobaleno e nulla di più inconsistente e precario di una “giunta arcobaleno”, degna per di più, per i suoi fantasmagorici e raccattati componenti, solo di un avanspettacolo politico spregiudicatamente e ad ogni costo vocato alla conservazione delle poltrone e alla bieca gestione del potere. – continua sotto –

L’artefice di questo orripilante e ingordo mostro politico che governa Aversa è stato Alfonso Golia, un sindaco da tempo sfiduciato anche dalla sua stessa maggioranza e che sta disperatamente vivacchiando nell’opaca ombra delle maschere di sinistra e di spregiudicati giannizzeri che rimbalzano da un campo all’altro con la rapidità di una pallina da ping-pong. L’alluvione di finti ideali e di valori un tanto al chilo gridati da Alfonso Golia durante la sua campagna elettorale lo ha travolto e sommerso insieme ai suoi falsi “volti freschi” della strombazzata “nuova stagione politica”, di fatto materializzatasi in una vera e propria funesta arlecchinata. – continua sotto –

Sognare ad occhi aperti e pubblicizzare, proclamare i propri sogni non è certo un misfatto, ma averli poi calpestati, violati, sviliti in nome di una febbrile sete di potere e di un patologico attaccamento alla poltrona si è rivelato un perfido raggiro dell’elettorato che ha svelato il finto sognatore in un maramaldo, in un eroe del banale, un mistificatore politico che con i suoi logori slogan si è fatto beffe di tutto e di tutti e ha fatto precipitare la città in incubi esiziali. Quel candidato sindaco, Alfonso Golia, che solo qualche anno fa, con frasi e slogan d’accatto branditi con trasognata sicumera sosteneva di essere capace di camminare nel fango senza sporcarsi la tonaca, appare ora un triste sopravvissuto disposto a tutto, obnubilato da un sfrenato narcisismo autoreferenziale che ha prosciugato i pozzi della vergogna e che ora pateticamente tenta, con un incattivito vaniloquio della disperazione,  di uscire dalla nicchia nella quale ormai da mesi è stato tumulato da tutta la città. – continua sotto –

Le più che accreditate voci del licenziamento da parte sua di tre assessori della sua giunta arcobaleno e della loro sostituzione con nomi che ulteriori danni e problemi riverseranno sulla città appare come l’epilogo di una farsa scritta da scaltri e cinici politici “extraterritoriali” fatta recitare da burattini e mestieranti disposti a tutto, anche a recitare sul palcoscenico dell’assurdo e dell’inverecondia e a farsi strumento di accoltellamenti e di vendette personali. Aversa può mai ancora tollerare tutto questo? Può ancora restare passiva spettatrice e prigioniera di questa profonda miseria intellettuale, politica e morale che contraddistingue questa classe politica, per di più in gran parte acefala e disposta, in nome del suo “particulare”, a genuflettersi, a prostrarsi a logiche e scontri di potere che nulla, ma proprio nulla, hanno a che fare con la Città? In questo panorama di rovine materiali e morali, sgombro di ogni dignità e decenza, Aversa non può continuare ad essere lo scenario di una inquietante presenza politica che ricorda la “mostruosa” famiglia Addams».

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico