Home

Immigrato ubriaco aggredisce poliziotti e rompe una vertebra a un agente

Quando ha visto avvicinarsi i poliziotti, chiamati perché era ubriaco e molesto, li ha “immediatamente aggrediti a pugni e calci”, e proprio con un calcio ha colpito all’addome e fatto cadere a terra un agente, provocandogli la frattura di una vertebra giudicata guaribile in 35 giorni. – continua sotto – 

L’episodio, che vede protagonista un pregiudicato 35enne originario della Guinea, è avvenuto sabato sera a Bologna, in via Boldrini. Nonostante l’aggressività dell’uomo, gli agenti del commissariato Due Torri-San Francesco di Bologna, aiutati da un’altra pattuglia, sono riusciti a bloccarlo, anche se poi quando è salito sull’auto di servizio ha frantumato, con ripetuti calci, il finestrino posteriore. Alla fine l’uomo è stato arrestato per lesioni finalizzate alla resistenza e danneggiamento aggravato, e sarà giudicato oggi con rito direttissimo. – continua sotto – 

Sull’accaduto interviene il sindacato di Polizia Siulp, lamentando come “ormai siamo a un’aggressione ogni tre ore, ma chi avrebbe il compito di costruire un impianto normativo che tuteli le divise pare continui ad ignorare la violenza che gli agenti subiscono ormai da anni”. Da qui la reiterazione della richiesta di “una norma ad hoc che punisca con la detenzione immediata chi aggredisce o usa violenza sugli operatori di Polizia e su tutti quelli delle helping profession”. – continua sotto – 

Il Siulp ricorda di aver indetto una petizione per una legge di iniziativa popolare, che sta raccogliendo  migliaia di consensi”, ma nell’immediato “purtroppo il risultato è che l’agente ferito dovrà perfino anticipare tutte le spese per curarsi”. Questo “non può essere più tollerato”, ribadisce il Siulp, che chiede alle forze politiche in Parlamento di raccogliere “la richiesta di aiuto e vicinanza degli appartenenti alle forze di Polizia che rischiano la vita in strada”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico