Home

Ambiente ed Economia oltre il Covid, a Napoli il Forum PolieCo

Dopo la presentazione a Casal di Principe, nel bene confiscato Casa don Diana, alla presenza del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, si è tenuta a Napoli (al Royal Continental Hotel, anziché nella tradizionale location di Ischia) la 12esima edizione del Forum Internazionale sull’Economia dei Rifiuti del PolieCo (consorzio nazionale per il riciclaggio di beni a base di polietilene), presieduto da Enrico Bobbio e diretto da Claudia Salvestrini, sul tema “Ambiente ed economia oltre il Covid-19”. I lavori si sono articolati in quattro sessioni per sottolineare la necessità di una nuova vision in grado di coinvolgere impresa, ricerca e politica.

Il Covid-19 ha messo in rilievo i problemi endemici del sistema della gestione dei rifiuti che oggi, basandosi sull’esportazione verso Paesi terzi, si rivela non autosufficiente; i limiti di una raccolta differenziata improntata alla quantità e non alla qualità; la carenza di impianti di riciclo. Come ha sottolineato la direttrice del consorzio Polieco, Claudia Salvestrini. Per Raffaele Piccirillo, capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia, “il deficit impiantistico in tema ambientale è innegabile così come lo è la farraginosità dell’iter burocratico che consente alla criminalità di annidarsi, approfittando della paralisi decisionale”.

Grande attenzione sui dispositivi di protezione individuale utilizzati per l’emergenza sanitaria (in particolare le mascherine) che, se non correttamente avviati allo smaltimento, rischiano di aggravare l’inquinamento ambientale; e sulla plastica, tornata al centro del dibattito passando dalla sua demonizzazione, spesso generalizzata, al suo riconoscimento come materia indispensabile nella prevenzione del Covid e dunque per la salvaguardia di vite umane. Con un videomessaggio il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, impossibilitato a intervenire per sopraggiunti impegni istituzionali, ha sottolineato come il futuro del sistema di raccolta rifiuti punta alla tutela dell’ambiente e della salute.

Il Forum, come ormai consuetudine, è stato anche teatro di denunce sulle collusioni tra la criminalità e la politica e l’imprenditoria. E in vista dei fondi del Recovery Fund sicuro è il rischio di infiltrazioni delle mafie. Lo ha ribadito anche in questa occasione il senatore Nicola Morra, presidente della commissione parlamentare antimafia. Spesso sono proprio le mafie a nascondersi dietro agli ecoreati: la riforma c’è stata, ora è giunto il momento della concretezza, come sostenuto dalla deputata Alessia Rotta, presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico