Italia

Coronavirus, requisite 19 tonnellate di materiale sanitario nel porto di Gioia Tauro

Diciannove tonnellate di materiale medico sanitario destinate a un altro Paese sono state requisite al porto di Gioia Tauro dai funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria. Si tratta di 364.200 paia di guanti per uso chirurgico, provenienti dalla Malesia, e 9.720 dispositivi endotracheali, provenienti dalla Cina, utilizzati per l’intubazione di pazienti con difficoltà respiratorie.

I due importanti carichi di materiale medico e sanitario rientrano nei normali traffici commerciali monitorati dai finanzieri e dall’Agenzia delle dogane. Merce assolutamente legale che era in transito da Gioia Tauro e che le aziende produttrici della Cina e della Malesia avevano spedito al compratore di un altro Paese. I guanti chirurgici e i dispositivi endotracheali sono stati, quindi, requisiti su disposizione del commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e il contrasto dell’emergenza Covid-19. I legittimi proprietari saranno risarciti, a prezzo di mercato, per la mancata consegna del materiale sanitario che servirà a rifornire gli ospedali italiani in questa fase di emergenza Covid-19.

L’Agenzia delle dogane e la Guardia di finanza, infatti, lo consegneranno al dipartimento della Protezione civile così come stabilisce l’articolo 6 del decreto legge 18 del 17 marzo scorso secondo cui è prevista “la requisizione in uso o in proprietà, da ogni soggetto pubblico o privato, di presidi sanitari e medico-chirurgici, nonché di beni mobili di qualsiasi genere, occorrenti per fronteggiare l’emergenza sanitaria, anche per assicurare la fornitura delle strutture e degli equipaggiamenti alle aziende sanitarie o ospedaliere ubicate sul territorio nazionale”. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

blank
Condividi con un amico