Politica

Giustizia, Lega contro riforma di Bonafede. Il ministro: “Non governano con Berlusconi”

di Redazione

“Mi viene il dubbio che l’obiettivo sia far saltare la riforma della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio. E’ inaccettabile fare giochini sulla carne viva dei diritti delle persone”. E’ l’accusa lanciata dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, contro la Lega. “Propongono di raddoppiare i Csm, uno per i pubblici ministeri e uno per giudici: a me sembra oggettivamente folle”, ha aggiunto il ministro.

Resta alta la tensione nel governo dopo lo scontro in Consiglio dei ministri sulla giustizia, in particolare sul processo penale e il nodo della prescrizione. “Non votiamo una non riforma vuota e inutile”, si legge in una dura nota della Lega.

“La separazione delle carriere dei magistrati e la riforma delle intercettazioni sono i due punti forti della politica sulla giustizia di Silvio Berlusconi. Dico alla Lega che sono aperto a tutte le proposte, ma non stanno governando con Silvio Berlusconi. Se lo mettessero in testa”, è la replica del Guardasigilli Bonafede. E ancora: “Sarebbe uno schiaffo ai cittadini onesti pensare di imbavagliare l’informazione sulle intercettazioni, sarebbe riportare le lancette dell’orologio indietro al tempi in cui la politica non voleva che i cittadini sapessero cosa accadeva in alcune stanze del potere”.

“Io sono disponibilissimo ad esaminare altre proposte che possono migliorare la riforma, ma in Cdm non sono arrivate e lì si vede se si vuole far saltare la riforma solo per farla saltare. La separazione delle carriere e le intercettazioni non hanno nulla a che fare con la riduzione dei tempi del processo”, ha sottolineato il ministro nel corso di una diretta Facebook.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico