Società

Napoli, Arciconfraternite al sindaco: “Il cimitero non è un’azienda”

di Redazione

“Che il Comune abbia gravi carenze nella gestione e organizzazione del comparto funebre lo sappiamo e denunciamo da tempo, ma che scarichi tutte le responsabilità sulla Curia di Napoli, e più precisamente sulle Arciconfraternite, sorprende anche noi”. Lo affermano Gennaro Tammaro e Alessio Salvato, delegati Efi (Eccellenza Funeraria Italiana, sindacato di categoria delle agenzie funebri) per Napoli, che hanno appreso nelle scorse ore di una lettera proveniente dalla Curia e indirizzata al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, all’assessore Enrico Panini e ai vertici di Palazzo San Giacomo. La missiva, firmata don Giuseppe Tufo (direttore dell’Ufficio Arciconfraternite partenopeo), mette nel mirino il Dirigente dei Servizi Cimiteriali e invita l’amministrazione cittadina a evitare “interferenze illegittime” nell’operato delle Arciconfraternite, e ricorda anche che le attività di “religione e di culto” continueranno nel mese di agosto: “Il Cimitero – si legge – non è un’azienda”.

Ma per ricostruire tutta la vicenda bisogna fare un passo indietro. “A metà mese di luglio – spiegano gli impresari funebri – dal Comune è arrivata una direttiva che ci ha sorpreso. Non che questa amministrazione non abbia mai fatto intendere che crede che si possa scegliere in quale periodo dell’anno morire, tra uffici part-time e altre prodezze che ben ricordiamo. Ma in queste ferie di agosto, oltre alle classiche operazioni cimiteriali comunque rinviabili (come le esumazioni) e quindi sospese fino a settembre, si aggiunge l’impossibilità di interrare le ceneri dei propri cari. Nel giustificare l’impossibilità di espletare tale servizio, il Comune avrebbe quindi spiegato che la colpa è delle Arciconfraternite che ad agosto chiudono. Se avete intenzione di farvi cremare, sembra dire, evitate quindi di morire in quel mese”.

“Sarebbe proprio questo il motivo – raccontano i delegati Efi – ad aver innescato la risposta piccata delle Arciconfraternite che hanno smentito seccamente di interrompere qualsivoglia tipo di attività solo perché il Comune ha detto così”. “Dal nostro canto – chiudono Tammaro e Salvato – siamo davanti a un impietoso scaricabarile che serve solo a mascherare le insufficienze del Comune di Napoli. Comune che, ricordiamo, a noi risulta essere ancora fuori norma per la formazione dei dipendenti comunali cimiteriali e che inneggia invece alla legalità quando si tratta di affissioni funebri su spazi che lo stesso Comune ancora non concede”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico