Cronaca

Sigarette di contrabbando dalla Romania: sequestri a Casoria e Casandrino

di Redazione

I militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Caserta stavano monitorando, ininterrottamente già da alcuni giorni, il tratto autostradale dell’A1 in prossimità della barriera di Napoli Nord, al fine di intercettare due carichi di sigarette provenienti dalla Romania e segnalati dall’organo collaterale estero. La paziente attesa è stata premiata nella giornata del 27 settembre scorso quando i finanzieri hanno individuato i due autocarri segnalati che sono stati pedinati fino a quando non hanno terminato la loro corsa in due distinti depositi siti nel Napoletano, a Casoria e Casandrino.

Dopo aver atteso l’inizio delle operazioni di scarico dagli autocarri, i militari operanti decidevano di procedere al controllo della merce, contenuta in grosse scatole di cartone, che risultava essere costituita complessivamente da circa 8.200 stecche di sigarette di contrabbando per un peso totale di oltre 1,6 tonnellate. All’esito delle operazioni, le sigarette – per un valore di oltre 400mila euro – sono state sottoposte a sequestro e si è proceduto all’arresto dei 4 contrabbandieri sorpresi mentre erano intenti alle operazioni di scarico dei mezzi, tutti della provincia di Napoli (C.M., 39 anni; P.L., di 33; T.M., 54; G.V., 39), due dei quali gravati da precedenti specifici.

Le sigarette, prive del contrassegno di Stato, recavano i noti marchi “Rothmans”, “Winston”, “Marlboro”, “Compliment” e “Marble” ed erano destinate al mercato campano. In particolare, le “bionde” con marchio “Marble” e “Compliment” rientrano nella categoria delle cosiddette “cheap white”, che sono sigarette originali recanti marchi registrati nei rispettivi Paesi di produzione (Russia, Emirati Arabi Uniti, Cina e Ucraina), che non potrebbero essere vendute in Italia o all’interno dell’Unione Europea, in quanto non conformi ai parametri minimi di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico