Cronaca

“Piove” nei corridoi: gli studenti denunciano il degrado del “Conti”

di Gabriella Ronza

Aversa – Non trovano pace gli studenti dell’Isiss “Osvaldo Conti” di Aversa, che lamentano la situazione pietosa in cui riversano le aule della scuola. Sembrerebbe, inoltre, che quando piove le aule si allaghino, non permettendo il corretto svolgimento delle lezioni.

Questo è un messaggio inviato da uno studente all’associazione “Terra dei fuochi – Caserta” con la speranza che quest’ultima possa fare qualcosa al riguardo:

“Nicola (riferito al presidente dell’associazione, Nicola Costanzo, ndr.) tu ti intendi anche di scuola, giusto? All’Osvaldo Conti si dovrebbero riparare i muri perché proprio nella mia classe ci sono anche dei fili elettrici scoperti e intorno alle prese elettriche il muro è rotto. Non so se tu riesci a fare qualcosa, sembra che i muri ci cadano addosso. Queste condizioni erano presenti anche l’anno scorso e l’unica cosa che ci dicono è che stanno facendo dei lavori. È passato un anno e il problema non si è risolto. Si sono limitati a collocare dei secchi nei corridoi perché scorre acqua quando piove e nei posti che mostrano anche le foto si è bagnato tutto e non permettono a nessuno di passare lì”.

La volontà da parte del corpo studentesco di chiedere aiuto ad un’associazione esterna ai fatti della scuola sottolinea come i ragazzi siano confusi e non guidati sul da farsi. “Sono condizioni disastrose – commenta Nicola Costanzo, che ha ricevuto il messaggio d’aiuto – Non è giusto che i ragazzi non possano studiare in aule adeguate o che non possano muoversi liberamente tra i corridoi della loro stessa scuola”.

L’auspicio, dunque, è che chi di dovere analizzi la situazione e intervenga il prima possibile. Perché è vero che la scuola deve insegnare la “sostanza” delle cose ma è anche vero che i giovani si sentirebbero più motivati a ricevere insegnamenti in luoghi dall’aspetto migliore e dove è assente la preoccupazione che possa succedergli qualcosa di grave.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico