Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

False revisioni auto, arrestato titolare di 6 centri nel Casertano

Marcianise – I carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura di Santa Maria Capua Vetere, in collaborazione con la locale compagnia dell’Arma, hanno dato esecuzione, a Marcianise, all’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di Andrea Fiscone, 57 anni, del posto, per una serie di ipotesi di reato di falso ideologico.

L’attività investigativa che ha portato al provvedimento cautelare ha avuto ad oggetto il settore delle certificazioni per revisioni di veicoli in provincia di Caserta ed è stata condotta, tra gli anni 2011 e 2013, dalla sezione di polizia giudiziaria della Procura che si è giovata della collaborazione tecnica di personale della Motorizzazione Civile

In particolare, a seguito di denuncia sporta da un privato cittadino, si è accertato che l’arrestato, titolare di ben sei centri di revisione in provincia di Caserta, era solito rilasciare attestati nei quali certificava falsamente l’avvenuta revisione di veicoli presso le proprie officine.

I controlli oggetto di certificazione non venivano invece svolti, ma solo attestati a fronte della mera produzione di documenti, senza alcun effettivo controllo. Si è accertato che, in alcuni casi, Fiscone, eccedendo anche dai limiti della licenza, interveniva su veicoli pur in assenza delle previste autorizzazioni.

Tali circostanze venivano documentate con numerosi servizi di osservazione, nonché con videoriprese, dalle quali era chiaramente visibile che taluni clienti effettuavano la revisione senza aver neppure bisogno di accedere con il veicolo all’interno della struttura.

Fiscone praticava, ovviamente, un prezzo inferiore rispetto alla concorrenza (fermo restando il pagamento dell’importo della tassa statale): in tal modo egli risparmiava sui tempi, nonché sull’usura dei materiali e della strumentazione in dotazione alle sue officine.

Nel corso delle indagini sono state accertate circa mille revisioni irregolari, con conseguenti illeciti guadagni e danni per la concorrenza. Per ben centocinque di tali revisioni sono stati acclarati fatti penalmente rilevanti (di falso ideologico, appunto).  Le officine di Fiscone, tempo addietro, erano salite alla ribalta della cronaca televisiva e in particolare della trasmissione “Striscia la Notizia”.

All’esito delle investigazioni, sono state iscritte nel registro degli indagati  complessivamente 72 persone.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico