Cronaca

Camorra, catturato a Roma latitante del clan Esposito

di Redazione

 SESSA AURUNCA. La polizia ha arrestato a Romail latitante Emilio Esposito, presunto capo dell’omonimo clan attivo nel casertano, nella zona di Sessa Aurunca, e collegato al clan dei Casalesi.

L’uomo, ricercato dal 2006, è colpito da quattro ordini di custodia cautelare emessi tra il 2006 ed il 2007 per associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione e reati in materia di armi, su richiesta della Dda di Napoli.

Sono stati gli agenti del commissariato San Basilio a intercettare il 37enne nei pressi della stazione della metropolitana di Rebibbia.Al momento del controllo è risultato sprovvisto di documenti. Accompagnato in ufficio, i riscontri hanno fatto emergere la sua identità. Per lui pendeva un provvedimento di arresto internazionale.

Esposito quando si è visto scoperto ha ammesso subito di essere un latitante che aveva deciso di consegnarsi alla giustizia. L’uomo è il nipote di Giovanni Esposito, il capoclan latitante da tempo e condannato all’ergastolo.

Il clan Esposito è attivo a Sessa Aurunca, nel Casertano, al confine con il Lazio. E’ detto dei ‘Muzzoni’ ed è confederato alla cosca dei Casalesi. Nella capitale si trovavano da giorni anche gli agenti della squadra mobile casertana, sulle sue tracce da mesi.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico