Home

Terremoto, trema Italia Centrale: 150 scosse in poche ore

Torna a tremare l’Italia centrale. Una forte scossa di terremoto, di magnitudo 5.4, con epicentro a Castel Sant’Angelo sul Nera, in provincia di Macerata, sui Monti Sibillini, è stata avvertita alle ore 19.11 di mercoledì, ad una profondità di 9,3 chilometri, nella Val Nerina, nella zona compresa tra Perugia e Macerata, a circa 66 chilometri dal capoluogo umbro. Alle 21.18 un’altra forte scossa di magnitudo 5.9 con epicentro a Ussita (Macerata), ad una profondità di 8,4 chilometri. Lo sciame sismico non si è più fermato dalla prima scossa. Un ulteriore terremoto è stato registrato anche giovedì mattina di magnitudo 4.4, registrato nella zona di Castelsantangelo sul Nera alle 10.20 (alla profondità di circa 9 chilometri).

Una notte di terrore per la popolazione del centro Italia, in particolare di Marche e Umbria dove sono state rilevate oltre 150 scosse. Il sisma è stato avvertito in una vasta area, compresi i comuni delle Marche e del Lazio interessati dal terremoto del 24 agosto, fino a Roma e Napoli, ma anche Modena, Bologna e Bolzano.

Il sindaco di Castel Sant’Angelo sul Nera, Mauro Falcucci, comune epicentro della prima scossa, ha riferito che la cittadina è rimasta senza energia elettrica e che la casa comunale è stata evacuata mentre era in corso una seduta del Consiglio comunale.

Intanto è stata diffusa la notizia della prima vittima: si tratta di un uomo di 73 anni, morto d’infarto a Tolentino. Pare che il bilancio degli sfollati abbia in poche ore raggiunto le 2-3mila persone.

Due feriti a Visso – Paura e crolli di cornicioni a Visso, altro comune vicino all’epicentro, in provincia di Macerata, insieme a quelli di Ussita e Preci. Molte persone sono uscite di casa spaventate e tantissime le chiamate ai vigili del fuoco. Non si conosce ancora l’entità dei danni. Ci sarebbero, comunque, due feriti a Visso. Mentre altri feriti sono stati individuati anche in altre località colpite dal sisma, ma nessuno di loro sarebbe in gravi condizioni.

Norcia, danneggiata chiesa – A Norcia danneggiata la chiesa di Santa Maria delle Grazie, chiamata anche Chiesa della Madonna della Neve, situata sulla sommità del monte di Campi.

Renzi in contatto con Protezione Civile – Il premier Matteo Renzi è entrato in contatto con il capo del Dipartimento di Protezione Civile, Fabrizio Curcio, per aggiornarsi sugli sviluppi, e ha sentito anche il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti.

Ingv: “Terremoto collegato a quello del 24 agosto” – Quella avvenuta tra Perugia e Macerata è stata la scossa più forte scatenata dallo stesso sistema di faglie all’origine del terremoto di magnitudo 6.0 del 24 agosto. La sua intensità è pari a solo a quella avvenuta un’ora dopo la scossa principale. “Al momento non ci sono indicazioni per non considerare il terremoto di oggi una replica di quello del 24 agosto”, ha detto il sismologo Massimo Cocco, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Secondo Alessandro Amato, sismologo dell’Ingv, il terremoto di magnitudo 5.4 è collegato a quello avvenuto il 24 agosto nel Reatino.

Sindaco Amatrice: “Torna la paura” – “Ci sono crolli, ma di edifici già lesionati. Stiamo facendo un giro per il territorio, non dovrebbero esserci stati feriti. Certo si risveglia la paura, pesa questa nuova scossa”. Così il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, dopo la scossa.

Roma, evacuata Farnesina – Crolli al ministero degli Esteri a Roma. La Farnesina è stata evacuata e il personale è sceso nel piazzale antistante. E’ stata la stessa Farnesina a comunicarlo. I vigili del fuoco sono intervenuti a verificare alcuni palazzi nella Capitale per crepe che si sono formate in seguito alla scossa. Diversi gli interventi effettuati finora dai vigili del fuoco, in particolare in zona Nomentano ed Eur.

Dopo la seconda scossa, a Pescara, la partita di serie A tra Pescara e Atalanta è stata sospesa per qualche minuto.

Il presidente del Senato, Pietro Grasso, manifesta su Facebook la sua solidarietà: “Affronteremo anche questa tragedia, come per il terremoto di agosto cittadini e Istituzioni, insieme, per ricostruire borghi e comunità”.

VIDEO – Norcia, danneggiata chiesa: clicca qui – Scossa avvertita anche in Campania: clicca quiSotto una galleria di immagini (attendere caricamento...)

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, abbattimento di pini a rischio nel Parco Pozzi https://t.co/mZ8pTOuGtU

70 anni Dichiarazione Diritti dell’Uomo: a Napoli unica tappa italiana di Human Rights Film https://t.co/zIRfdYatjr

Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto https://t.co/JvAHFfXVtL

Napoli - Liberato, in migliaia acclamano il rapper senza volto (10.05.18) https://t.co/afciQg3PvQ

Condividi con un amico