Home

La Fondazione Polis illustra il nuovo Codice Antimafia

Napoli – Pochi giorni fa la Camera dei Deputati ha approvato il nuovo Codice Antimafia, che ridisegna le misure di prevenzione e le regole sulle confische dei beni e che ora passa alla discussione del Senato.

La Fondazione Polis della Regione Campania ha promosso un incontro seminariale sull’argomento, svoltosi presso la sede della stessa Fondazione (Napoli, via Raffaele De Cesare, 28).

Il dibattito è stato promosso dal Comitato Scientifico della Fondazione Polis e ha ospitato come relatore l’onorevole Davide Mattiello, deputato della Commissione parlamentare antimafia, relatore di maggioranza per la riforma del Codice Antimafia.

Presenti anche il prefetto Umberto Postiglione, Direttore dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata, il magistrato Bruno D’Urso, presidente aggiunto della sezione Gip presso la Corte d’Appello del Tribunale di Napoli, il presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Polis Geppino Fiorenza.

In 30 articoli il testo di riforma ridisegna tutta la complessa materia delle misure di prevenzione. Il provvedimento deriva dalla proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale grandi organizzazioni sociali come la Cgil, Avviso Pubblico, Arci, Libera, Acli, Lega Coop, Sos Impresa, Centro studi Pio La Torre raccolsero, due anni e mezzo fa, centinaia di migliaia di firme e integrata dal lavoro fatto nel frattempo dalla Commissione parlamentare antimafia.

Con la riforma l’Agenzia per i beni sequestrati ne esce rafforzata, con sede centrale a Roma e un direttore (non per forza un prefetto) che si occuperà dell’amministrazione dei beni dopo la confisca di secondo grado. Norme stringenti sono previste per gli amministratori giudiziari, che non potranno avere più di 3 incarichi e non potranno essere parenti fino al quarto grado, ma neppure conviventi o “commensali abituali” del magistrato che conferisce l’incarico.

Sequestri e confische sono previsti anche a chi favorisce i latitanti, commette reati contro la Pa o si macchi del delitto di caporalato, mentre si istituisce un Fondo di garanzia per sostenere le aziende sequestrate.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, "Il passato nel presente": giornata di studio al Maschio Angioino - https://t.co/m8wqE2cyS6

Trentola Ducenta, Luigi Lorvenni in campo per Sagliocco Sindaco - https://t.co/xXdmunkbnU

Governo, Mattarella convoca Fico per incarico esplorativo - https://t.co/Mqb1xNAidC

Regionali Molise, vince Toma del centrodestra. Fi supera Lega: Berlusconi esulta - https://t.co/Ku8samSxvX

Condividi con un amico