Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

San Cipriano, 4 milioni di anticipo cassa: opposizione investe Corte dei Conti

san cipriano anticipazione

San Cipriano – Il Comune di San Cipriano ha chiesto un’anticipazione straordinaria di quattro milioni e mezzo di euro che creerà un debito che si inizierà a pagare dal 2019 per i prossimi trent’anni.

Sul caso interviene il gruppo “San Cipriano Bene Comune”, che spiega: “Al fine di dissuadere gli amministratori dal fare una richiesta così ingente, e soprattutto ingiustificata, consegnammo nelle mani del sindaco una relazione dettagliata in cui spiegavamo il perché si stava commettendo un errore i cui effetti andavano a cadere sulle future generazioni. Una delle motivazioni consisteva nel segnalare che il comune avrebbe incamerato trasferimenti dello stato. L’abbiamo detto nel consiglio comunale, a mezzo stampa e sui social, alle nostre motivazioni c’è stato risposto: ‘Siete in malafede e la vostra è solo una polemica strumentale tesa ad acquisire visibilità’. Bene, in data 24 settembre il Comune incamera 2 milioni e 100mila euro) per trasferimenti dello stato a cui si aggiungerà il saldo Imu e Tasi che sarà riscosso il prossimo dicembre. Sulla scorta di quanto detto, e non volendo sollevare nessun tipo di polemica, noi non chiediamo nessuna spiegazione a questa amministrazione perché eventuali chiarimenti li dovranno dare alla corte dei conti perché in quella sede abbiamo inviato tutta la documentazione inerente i fatti enunciati”.

Dall’amministrazione più volte è arrivato l’invito a collaborare rivolto al gruppo di opposizione. “È bene chiarire un concetto. – spiegano da Sbc – Se per collaborazione s’intende l’adozione di contributi tesi ad evitare che i cittadini siano danneggiati da scelta sbagliate, come quelle sopra spiegate, ebbene non abbiamo nulla da rimproverarci perché abbiamo tentato in tutti i modi di far comprendere a chi doveva decidere che stava commettendo un errore macroscopico. Mentre se per opposizione s’intende la coltivazione di qualche inciucio tra maggioranza e opposizione al fine di ottenere qualche ‘piacere’, a beneficio di quest’ultima, affinché adotti un atteggiamento più morbido, vogliamo chiarire per evitare equivoci che a noi non interessa nessun tipo di ‘piacere’ e che tali dinamiche appartengono alla vecchia politica”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico