Teverola

Il Festival dell’Impegno Civile ricorda Genovese Pagliuca

Teverola – Nel bene confiscato alla camorra, oggi sede del centro assistenza Logos gestito dalla Chiesa evangelica pentecostale, in via II Dietro Corte, si è tenuta, domenica 28 giugno, alle ore 18, la nona tappa del Festival dell’Impegno Civile “Le Terre di Don Peppe Diana”. Tra i promotori il Comune di Teverola e l’associazione “Si Teverola Onlus”, in collaborazione con le associazioni Migr-Azioni, Anes, Avis, Ares, Giovani Teverola, Calciochepassione, La Proposta.

Tema dell’incontro una riflessione sul concetto di “Memoria e l’impegno: i modelli positivi per la costruzione di comunità sane”. “Memoria” per ricordare il sacrifico delle vittime innocenti della camorra e “l’impegno” delle diverse anime che tutt’oggi si impegnano per promuovere il senso civico, la legalità e porre ogni forma di “resistenza” verso coloro che barbaramente hanno ucciso per far accrescere il loro potere. Resistenza che ben si collega al tema dell’anno “Partigiani del Bene” – per una nuova “LiberAzione” ovvero raggiungere l’obiettivo prefissato dal popolo del Festival,  “fatto di uomini e donne che, di fronte a decenni di malaffare, affarismo, corruzione e indifferenza, hanno scelto di stare da una parte ben precisa e di dare vita a una vera guerra partigiana di resistenza”.

E proprio nei beni confiscati alla criminalità organizzata che sono il simbolo della resistenza, i cittadini vogliono far partire quel riscatto di “rinnovamento” e far crescere una nuova cultura: “La realizzazione di azioni educative sui temi dell’impegno civile e sociale per una cittadinanza attiva”.

Al convegno sono intervenuti Francesco Diana – membro del Comitato Don Peppe Diana, e Raffaello Magi – magistrato della Suprema Corte di Cassazione. Ad introdurre Antonio Zacchia, con i saluti del sindaco Dario Di Matteo. L’incontro, nell’ambito del quale si è avuta la testimonianza di Giovanna Pagliuca, sorella di Genovese, è stato moderato da Alessandra Tommasino, responsabile della memoria per il coordinamento provinciale casertano di Libera.

Poi un corteo ha raggiunto la piazzetta intitolata a Genovese Pagliuca, vittima innocente della camorra, dove è stato depositato un marmo di Carrara che verrà scolpito sul posto da un’artista, così che l’opera possa essere ultimata quando avverrà l’intitolazione ufficiale dello slargo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico