Teverola

L’imprenditore Mario Cantone suicida in carcere

 Teverola. Si è tolto la vita impiccandosi in cella Mario Cantone, 44 anni, di Teverola. L’uomo, arrestato nel giugno 2013 nell’ambito dell’operazione “Rischiatutto” sul gioco e le scommesse gestite dalla camorra, era detenuto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Secondo quanto riferito dal sindacato di polizia penitenziaria Sappe, Cantone, con la moglie e alcuni familiari avuto martedì mattina, ha compiuto l’estremo gesto nella sua cella del Padiglione Tevere.

Proprietario del “Casinò Normanno” di Aversa e del “Bingo” di Teverola, Cantone fu arrestato dai carabinieri del Ros insieme ad altre 56 persone, tra cui il fratello Luciano, con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, reimpiego di denaro di provenienza illecita e intestazione fittizia dei beni.

Articoli correlati

Camorra e scommesse, sigilli al Casinò Normanno di Redazione del 27/06/2013

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Sant'Arpino, "Libera Mente" incontra i cittadini e raccoglie le loro istanze - https://t.co/zfduZefsZ9

Migranti "scaricati" al confine. Salvini: "Vergogna internazionale". La Francia: "Non lo faremo più" - https://t.co/3bVem0mHtU

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l'eruzione a ottobre e non ad agosto - https://t.co/em7JOKvebA

Tap, il ministro Lezzi: "Troppo costoso fermarlo". Comitato: "Eletti M5S si dimettano" - https://t.co/cqu0GBJOyv

Condividi con un amico