Teverola

L’imprenditore Mario Cantone suicida in carcere

 Teverola. Si è tolto la vita impiccandosi in cella Mario Cantone, 44 anni, di Teverola. L’uomo, arrestato nel giugno 2013 nell’ambito dell’operazione “Rischiatutto” sul gioco e le scommesse gestite dalla camorra, era detenuto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Secondo quanto riferito dal sindacato di polizia penitenziaria Sappe, Cantone, con la moglie e alcuni familiari avuto martedì mattina, ha compiuto l’estremo gesto nella sua cella del Padiglione Tevere.

Proprietario del “Casinò Normanno” di Aversa e del “Bingo” di Teverola, Cantone fu arrestato dai carabinieri del Ros insieme ad altre 56 persone, tra cui il fratello Luciano, con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, reimpiego di denaro di provenienza illecita e intestazione fittizia dei beni.

Articoli correlati

Camorra e scommesse, sigilli al Casinò Normanno di Redazione del 27/06/2013

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

"Liberamente per Sant'Arpino", il nuovo movimento che si propone come alternativa - https://t.co/NphaapwCDA

Napoli, sulle note della Nuova Orchestra Scarlatti il movimento e i respiri di Caravaggio - https://t.co/GOz3HofdDt

Camorra e slot machine nell'agro aversano: udienza d'appello il 18 giugno - https://t.co/cI0gL4GgDo

Casapesenna, Consiglio su bilancio di previsione: Prefettura chiede chiarimenti - https://t.co/sFPhzDHkQM

Condividi con un amico