Teverola

Ambiente, cittadini e associazioni incontrano la Meridionale Alluminio

 Teverola. Si è svolta nella sede della “Meridionale Alluminio” la conferenza organizzata dal movimento civico “Ad Alta Voce”.

All’incontro, oltre ad alcuni membri del sodalizio guidati dal presidente Pasquale Buonpane, hanno partecipato: Tommaso Caserta, coordinatore cittadino di Fare Ambiente, Emilio Paone, presidente AISSt, un nutrito gruppo di cittadini accompagnati dal presidente del comitato “Teverola non deve morire”, AlessandraD’Agostino, il sindaco Biagio Lusini e l’assessore Agostino di Santo, mentre per la Meridionale Alluminio era presente il delegato Antonio Colantonio.

Dopo un confronto sereno e pacato, attraverso il quale i cittadini hanno espresso le loro perplessità, ponendo anche delle domande ai responsabili dell’azienda, si è passati alla visita dell’impianto dove i responsabili hanno mostrato come avviene il ciclo produttivo, dando spiegazioni dettagliate sullo svolgimento di precise fasi di lavorazione e mettendo a disposizione dati e grafici su eventuali inquinanti immessi nell’atmosfera.

Di comune accordo è stato redatto un verbale di riunione, sottoscritto da tutti i presenti, dove sono state messe per iscritto domande precise per avere dei chiarimenti in ordine alle seguenti questioni: il ciclo produttivo che viene realizzato nello stabilimento della Meridionale Alluminio srl e le fasi di lavorazione; le sostanze che vengono introdotte nel ciclo produttivo e i prodotti ottenuti dalla lavorazione nonché i diversi tipi di inquinanti prodotti e le rispettive quantità emesse in atmosfera e nel sottosuolo; i sistemi di abbattimento utilizzati; i controlli che vengono effettuati per accertare il rispetto dei valori limite previsti per legge e se tali valori sono diversi per attività svolte in aree industriali o in area zona Pip immersa nel tessuto urbano; disposizioni in caso di incidenti e/o emergenze, considerando anche la vicinanza con il centro urbano.

Da parte sua, la Meridionale Alluminio si è impegnata a fornire risposte scritte e documentate ai cittadini, per il tramite del movimento civico “Ad Alta Voce”, entro trenta giorni.

Si è anche concordato che i rappresentanti delle forze sociali, con l’ausilio di tecnici esperti, qualora lo riterranno opportuno, potranno far pervenire proposte volte alla prevenzione e controllo di qualsivoglia pericolo ambientale.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ospedale Aversa, la dirigente Maffeo: “In un anno e tre mesi è stato fatto un lavoro enorme” https://t.co/lfeEOZwxuh

Aversa, bufera sul bando Puc: insorge associazione nazionale urbanisti https://t.co/xsU4TiX6LY

Aversa, investita e uccisa. Il parroco al pirata della strada: “Costituisciti” https://t.co/9dpxKRSYBM

Aversa, edificio a rischio: sindaco indagato. De Cristofaro: “Sono tranquillo, già mi ero attivato per risolvere” https://t.co/CBCMs8N6sY

Condividi con un amico