Caserta

Il “Treno Verde” di Legambiente arriva a Caserta

 Caserta. Promuovere una città più smart, sostenibile, a misura di cittadino, ma soprattutto libera dallo smog.

A lanciare la sfida è il Treno Verde 2014 di Legambiente e Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che ha ripreso il suo viaggio lungo l’Italia per informare, sensibilizzare e promuovere tra i cittadini le buone pratiche per una mobilità sostenibile e per l’abbattimento delle polveri inquinanti.

Il convoglio ambientalista, storica campagna dedicata al rilevamento dell’inquinamento atmosferico e acustico, sosterà da venerdì 28 febbraio a lunedì 3 marzo al binario VI della stazione centrale di Caserta. Visite guidate per le scuole, focus e dibattiti per ripensare la mobilità urbana, per una rigenerazione e riqualificazione urbana, dove il trasporto urbano non sia più incentrato sull’utilizzo del mezzo privato ma sulla mobilità pubblica sostenibile con mezzi a basso impatto ambientale.

L’arrivo del Treno Verde a Caserta sarà, inoltre, l’occasione per rilanciare l’iniziativa di Legambiente: “Dalla Terra dei Fuochi alla Terra Felix”, con momenti di approfondimento sul tema delle bonifiche, ma anche e soprattutto di promuovere e valorizzare un territorio che continua orgogliosamente a contribuire al made in Italy sul piano economico, sociale e culturale.

L’azione di denuncia, infatti, deve necessariamente andare di pari passo con un’azione di valorizzazione e difesa di questo territorio che deve continuare ad essere protagonista di un modello agricolo virtuoso. In quest’ottica, venerdì 28 febbraio, alle ore 11.30, a bordo della quarta carrozza del Treno Verde sarà presentato il libro “Campania Terra dei Cuochi” una raccolta di ricette realizzate dai migliori chef per promuovere il gusto, la qualità e la bontà dei prodotti della Terra Felix, dedicato ad Angelo Vassallo, sindaco pescatore. Sarà inoltre lanciato il contest “Campania Terra dei Cuochi – Gara di cucina” che vedrà sfidarsi gli studenti dell’Isis ‘Galileo Ferraris’ di Caserta e dell’Istituto Professionale per i Servizi e per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera Giovanni Giolitti di Torino.

La sfida avrà come obiettivo la preparazione di pietanze a base di prodotti tipici campani che si terrà il 27 marzo durante la tappa del Treno Verde a Torino. Sempre domani, alle ore 10.30, ci sarà il Trofeo tartaruga, la particolare gara tra diversi mezzi di trasporto dedicata al tema della mobilità urbana per scoprire il modo più veloce, economico e soprattutto meno inquinante per muoversi in città. Il percorso prevede la partenza dall’ospedale di Caserta e all’arrivo alla stazione centrale. Parteciperà alla gara di mobilità urbana anche il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio.

Sabato 1 marzo, invece, alle ore 10 alla Biblioteca diocesana di Caserta, presso il Palazzo dell’Episcopio si terrà il convegno “La bonifica del ex-SIN Litorale Domitio Flegreo e Agro Aversano: dalla Terra dei fuochi alla Terra felix”. Introduce e coordina: Nicola d’Angerio, presidente di Legambiente Caserta. Intervengono: Don Nicola Lombardi, direttore della biblioteca diocesana di Caserta; Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania; Stefano Ciafani, vicepresidente di Legambiente; Simonetta Tunesi, Honorary Research Fellow – University College London; Raniero Madonna, #Fiumeinpiena.

E’ stato invitato Paolo Bidello, assessore all’ambiente della Provincia di Caserta. Durante la tappa di Caserta, quarta del tour 2014 che terminerà il 28 marzo a Torino, il Treno Verde, grazie alla mostra interattiva ospitata a bordo delle sue quattro carrozze, incontrerà studenti, cittadini e amministrazioni per promuovere la qualità dei territori, l’innovazione nei centri urbani e l’attenzione negli stili di vita. Compagno di viaggio del Treno Verde, come nelle precedenti edizioni, sarà il Laboratorio mobile Qualità dell’Aria di Italcertifer, che sosterà per 72 ore in Via Roma per rilevare i dati relativi all’inquinamento acustico e alla qualità dell’aria della città di Caserta.

Oltre ai valori del PM10, saranno raccolte informazioni sulle concentrazioni nell’aria di benzene, biossido di azoto, monossido di carbonio, biossido di zolfo e ozono. E quest’anno verrà monitorato anche il PM 2,5 con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione anche sulla frazione di polveri più dannose per la salute e di pretendere che a livello europeo e nazionale siano adottati valori limite più stringenti e maggiormente, idonei a tutelare la salute dei cittadini, fissando valori giornalieri o più a breve termine oltre il valore obiettivo come media annua attualmente vigente.

Cuore centrale del convoglio ambientalista sarà la mostra didattica e interattiva allestita all’interno delle quattro carrozze, dove è stata realizzata una smart city. La mostra, dedicata alla mobilità, alla vita urbana e al vivere in maniera sostenibile, sarà aperta venerdì e sabato, dalle 8,30 alle 13,30 per le classi prenotate e dalle 16,00 alle 19,00 per il pubblico. Domenica, invece, la mostra sarà visitabile dalle ore 10 alle ore 13.

La prima carrozza è dedicata al tema della “mobilità sostenibile”: dal trasporto su ferro alla mobilità elettrica, dall’urbanistica all’intermodalità, passando per le zone a traffico limitato, le piste ciclabili e le zone 30 il visitatore farà un percorso che gli permetterà di capire quali scelte devono essere prese dalle città e dai cittadini per dire no allo smog, per aprire le porte alla libertà di muoversi in maniera veloce e a basse emissioni. Alla “città” è dedicata la seconda carrozza all’interno della quale l’allestimento è stato pensato per raccontare un’urbanistica che risponde alle esigenze dei cittadini e dell’ambiente.

Energia pulita e integrata, analisi del ciclo di vita, difesa del suolo e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico, edifici sicuri ed efficienti. Tema centrale della terza carrozza sono gli “stili di vita”: in questo vagone saranno dati tanti piccoli accorgimenti per essere cittadini attenti e più smart.

Ad esempio verrà spiegato come isolare l’abitazione per renderla efficiente, come fare una spesa sostenibile, come tenere sotto controllo i consumi domestici e, soprattutto, come differenziare, riciclare i rifiuti. Infine la quarta carrozza del Treno Verde è un vero e proprio “parco urbano”, perché la città secondo Legambiente è più verde e con spazi pubblici attrezzati che consentono di passare il tempo libero e non solo, respirando aria pulita o coltivando orti, riappropriandosi di tutti quegli spazi verdi spesso lasciati all’incuria e all’abbandono.

Il programma completo della tappa a Caserta del Treno Verde 2014

In sosta al binario VI della stazione centrale

Venerdì 28 febbraio

Ore 8.30–14.00 Visite guidate per le classi prenotate. Diverse classi arriveranno al Treno Verde in Piedibus!, un progetto per stimolare alla mobilità sostenibile e per chiedere percorsi sicuri casa-scuola.

Ore 10.30. Trofeo tartaruga, la particolare gara tra diversi mezzi di trasporto dedicata al tema della mobilità urbana per scoprire il modo più veloce, economico e soprattutto meno inquinante per muoversi in città. Il percorso prevede la partenza dall’ospedale di Caserta e all’arrivo alla stazione centrale.

11.30 “Dalla terra dei fuochi alla terra felix” a bordo della quarta carrozza del Treno Verde.

Presentazione del libro “Campania Terra dei Cuochi” e della gara di cucina che vedrà sfidarsi gli studenti dell’I.S.I.S. Galileo Ferraris di Caserta e dell’Istituto Professionale per i Servizi e per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera Giovanni Giolitti di Torino. La gara di cucina Campania Terra dei Cuochi avrà come obiettivo la preparazione di pietanze a base di prodotti tipici campani e la premiazione avverranno il 27 marzo durante la tappa del Treno Verde a Torino.

Ore 16.00 – 19.00 Apertura della mostra al pubblico

Sabato 1 marzo

Ore 10.00. Convegno: La bonifica del ex-SIN Litorale Domitio Flegreo e Agro Aversano: dalla Terra dei fuochi alla Terra felix

Presso la BIBLIOTECA DIOCESANA DI CASERTA presso Palazzo dell’Episcopio – Piazza Duomo, 11

Introduce e coordina: Nicola d’Angerio, presidente di Legambiente Caserta. Intervengono: Don Nicola Lombardi, direttore della biblioteca dicoesana di Caserta; Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania; Stefano Ciafani, vicepresidente di Legambiente; Simonetta Tunesi, Honorary Research Fellow – University College London; Raniero Madonna, #Fiumeinpiena. E’ stato invitato Paolo Bidello, assessore all’ambiente della Provincia di Caserta.

Ore 16.00 – 19.00. Apertura della mostra al pubblico

Domenica 2 marzo

Ore 10.00 – 13.00: Apertura della mostra al pubblico

Ore 9.30 Sfilata di Carnevale. In contemporanea all’apertura del Treno Verde, tanti bambini sfileranno in città a piedi, percorrendo in maschera il tragitto da Piazza Vetrano al giardino dell’ex asilo di Via Barducci, per chiedere che questo luogo diventi nuovamente uno snodo di aggregazione e socialità, dopo due anni di inutilizzo. Un carnevale dedicato alla mobilità sostenibile, agli spazi sociali e a un Macrico 100% verde.

Lunedi 3 marzo

Ore 11.00 Conferenza stampa di presentazione dei dati sull’inquinamento atmosferico e acustico rilevato dal Treno Verde e bilancio della tappa

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico