Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Omicidio Di Caterino, l’altro minorenne accoltellato chiede i danni

 San Cipriano. A pochi giorni di distanza dalla sentenza di condanna pronunciata dal Gup del Tribunale per i Minorenni di Napoli, Ferrara, nei confronti di Agostino V., per l’omicidio di Emanuele Di Caterino, anche i genitori del minorenne O.E., attraverso i propri legali, chiedono il risarcimento dei danni subiti dal figlio.

Quella sera del 7 aprile 2013, in via De Chirico, ad Aversa, nelle vicinanze dell’ufficio postale, così come emerso nel corso del processo penale di primo grado, l’imputato, di San Marcellino, prossimo ai 18 anni,in seguito ad un litigio tra ragazzini per futili motivi, provocava non solo la morte di Emanuele ma colpiva con un coltello anche O.E. provocandogli una ferita da taglio potenzialmente mortale.

Il giudice, infatti, ha condannato l’imputato a 15 anni per l’omicidio di Emanuele e il tentato omicidio di O.E.. Da qui la richiesta dei legali di quest’ultimo, avvocati Guido Diana e Vincenzo Motti, ai genitori del condannato di ristoro dei danni morali e fisici subiti dal figlio per “culpa in vigilando”.

Articoli correlati

Omicidio Di Caterino, l’imputato condannato a 15 anni di Redazione del 28/01/2014

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ancona, calca in discoteca durante concerto Sfera Ebbasta: 6 morti e 120 feriti - https://t.co/4BxNIXAqtF

Napoli, il Vesuvio celebrato sulle cravatte della Maison Cilento - https://t.co/NjKXIlvgLp

Napoli, Dries Mertens alla serata di beneficenza dei commercialisti - https://t.co/MPO2R4PCfC

Teverola, l'Azione Cattolica Sant'Agnese festeggia 80 anni di vita - https://t.co/LQWQSWsH6M

Condividi con un amico