Aversa

Strage al canile, il proprietario: “Un dispetto di qualche invidioso”

 Aversa. “Un dispetto di qualcuno invidioso o che ci vuole male. Le polpette, forse avvelenate, e quella scala rinvenute stanno lì a dimostrarlo”.

Nicola Bortone, uno dei responsabili del centro di Aversa della Worl Pet Center srl, società napoletana con sede operativa nella città normanna, dove vengono smistati, allevati e addestrati i cuccioli, non si da pace. Con un viso stanco, segnato dalla fatica, nella serata di sabato, continua: “Siamo qui praticamente da venerdì mattina. Alle 20,30 abbiamo chiuso come tutte le sere. Alle 23 la telefonata che ci avvertiva dell’incendio e da allora non ci siamo più fermati. Questi cuccioli oltre a commerciarli li amiamo. Questo è il nostro lavoro da 40 anni e da 7 abbiamo la sede operativa di Aversa, utilizzata soprattutto per lo smistamento in tutta Italia”.

Come siete organizzati? “Abbiamo un allevamento di nostra proprietà in Ungheria che risponde ai più moderni requisiti igienici. I cuccioli partono da lì con tanto di tracciabilità tra il ministero competente ungherese e Uvac(Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari) in Italia. I controlli sanitari sono serrati. Qui ad Aversa, poi, i cuccioli sono trattati con tutte le attenzioni necessarie. Abbiamo capannoni per ospitare i cuccioli d’inverno e delle cellette per l’estate. Da noi quelli di Striscia la notizia non troverebbero pane per i loro denti. La nostra è una delle pochissime aziende del settore in regola”.

Avete mai avuto minacce o richieste estorsive? “No, mai. Il nostro è un settore particolare dove si lavora più per passione che per guadagno. Tutto, purtroppo, fa pensare che l’incendio scoppiato l’altra sera sia di natura dolosa, ma non riesco a comprendere come sia nata un’idea così assurda e chi abbia potuta metterla in atto. Probabilmente voleva essere un avvertimento o un dispetto. Forse volevano incendiare l’automezzo, poi la cosa ha assunto proporzioni non volute nemmeno dagli autori dell’incendio”.

clicca per

ingrandire

Quali sono le razze canine che trattate? “Praticamente tutte. Se lei va su Google e digita ‘razze canine’ noi siamo praticamente in grado di fornirle tutte”.

Qual è stato il bilancio alle 20 di sabato sera? “Nel capannone erano ospitati duecento cani. Quindici cuccioli sono morti nell’incendio, mentre oggi un’altra decina sono venuti a mancare. Tre o quattro sono morti a causa delle fiamme, tutti gli altri perché intossicati dai fumi che si sono sprigionati. I superstiti, almeno quelli in grado di essere trasportati, sono stati trasferiti presso nostre altre strutture o presso strutture con le quali abbiamo rapporti, in attesa che la situazione qui torni alla normalità”.

A cosa sarebbero servite, a suo avviso, le polpette rinvenute? “Al momento non sappiamo ancora se fossero o meno avvelenate, anche se io propendo per il primo caso. Probabilmente dovevano servire a mettere fuori gioco i tre cani da guardia di grossa taglia che di notte lasciamo liberi di circolare nell’area dell’allevamento”.

Intanto, su Facebook si susseguono, come una sorta di tam-tam continuo, gli annunci di disponibilità, specialmente dai più giovani, ad adottare i cuccioli superstiti e le espressioni di dolore per quanto si è verificato in quel centro di smistamento di via Cappuccini. Ma i cuccioli superstiti sono già al sicuro in altre strutture collegate a quella vittima dell’incendio dell’altra sera.

Aversa è sgomenta. Dalla tarda serata di venerdì scorso, quando si è verificato l’incendio, la notizia si è propagata in città anche perché l’hanno ripresa praticamente tutti i media. Tv e siti giornalisti l’hanno messa in testa alle loro pagine. Venticinque cani, anzi venticinque cuccioli, tutti di razza (ma questo è un particolare secondario), ammazzati rappresentano una barbarie che nemmeno i non animalisti riescono a digerire, a metabolizzare facilmente.

Una vera e propria strage limitata grazie al coraggio dei soccorritori: vigili del fuoco, carabinieri e addetti a canile. Il centro operativo di via Cappuccini, località Sant’Antonio, sebbene a pochi passi dal centro abitato cittadino, non era conosciutissimo. Praticamente noto solo agli addetti ai lavori rappresentava e rappresenta un fiore all’occhiello per i titolari. Non sarà facile riprendere il ritmo ordinario, ma i titolari si ripromettono di far ritornate tutto come prima in tempi brevi.

Quei guaiti hanno scosso anche i numerosi vigili del fuoco e carabinieri, che, coordinati dal capitano Daniele Girgenti e dal tenente Flavio Annunziata, l’altra notte hanno messo a repentaglio le proprie vite per salvare quanti più possibile di quei duecento cuccioli. Ci sono quasi riusciti. “Solo” quindici non ce l’hanno fatto. Nella giornata di ieri altri dieci non sono riusciti a superare le crisi respiratorie provocate dai fumi inalati nel corso dell’incendio al capannone. Incendio sulle cui cause indagano i carabinieri del reparto territoriale di Aversa. I militari, pur non avendo ancora ricevuto un rapporto ufficiale da parte dei vigili del fuoco sulle cause che hanno provocato le fiamme, non fanno mistero di prediligere la pista dell’incendio doloso.

All’interno del perimetro dell’allevamento canino, infatti, appoggiata al capannone che ospitava i cuccioli, è stata rinvenuta una scala che non faceva parte dell’allevamento stesso, Inoltre, sempre vicino a questa scala, appoggiate sulle grondaia del capannone sono state rinvenute quattro polpette di carne attualmente all’esame dei sanitari dell’Asl di Caserta, ma che si ipotizzano avvelenate, da utilizzare, quasi certamente per annullare la presenza di tre cani da guardia di grossa taglia che di sera, quando si chiudono gli uffici del centro, vengono liberati nell’area.

Gli investigatori ipotizzano che bersaglio degli attentatori fosse l’automezzo utilizzato per il trasporto degli animali (del quale è rimasto solo lo scheletro). Il vento che l’altra sera imperversava in zona, però, ha fatto sì che le fiamme si propagassero al vicino capannone dal quale distava non più di tre metri. Immediati i guaiti degli animali imprigionati nelle proprie gabbiette.

Quando i soccorritori sono giunti sul posto sono stati costretti a tagliare le lamiere che fanno da parete al capannone, poi, con una particolare attrezzatura hanno dovuto aspirare i fumi all’esterno, prima di potervi accedere.

Subito dopo è stata una lotta contro il tempo con scene che non è esagerato definire apocalittiche. Sul posto anche la veterinaria del centro di smistamento aversano che, stando ai racconti dei presenti, avrebbe tentato anche la respirazione bocca a bocca per rianimare alcuni dei cani intossicati dai fumi provocati dall’incendio di materiale plastico presente nel capannone che ospitava i duecento cuccioli.

Articoli correlati

Strage di cuccioli, carabinieri indagano per incendio doloso di Nicola Rosselli del 2/02/2014

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Strasburgo, spari al mercatino di Natale: un morto e diversi feriti, killer in fuga - https://t.co/WWq0bxJJoX

Salvini: "Hezbollah terroristi". La Difesa: "A rischio soldati in missione Unifil" - https://t.co/BrXJ8mXGbZ

Roma, incendio in impianto rifiuti del quartiere Salario - https://t.co/NXgrncg1vi

Aversa, crisi mercatino natalizio: Palmiero chiede al sindaco di evitare raddoppio Tosap - https://t.co/BNmazr1vD8

Condividi con un amico