Aversa

Aversa restituisce “Pupia” e “Cossutia” a Gricignano

PupiaAVERSA. E’ una delle conquiste più importanti, forse la più importante, della storia della comunità di Gricignano.video

Parliamo della restituzione, concessa dal Comune di Aversa, delle due lapidi sepolcrali “Pupia” e “Cossutia”, risalenti all’età imperiale romana di Augusto (dal 27 a.C. al 14 d.C.).

Si tratta delle lapidi presenti un tempo in via Selicara, nei pressi di Piazza Municipio, nell’ancora conosciuto “Giardino delle Signorine”, poste sulle tombe delle due matrone romane, appunto “Pupia” e “Cossutia”, in epoca augustea le “padrone” dell’allora villaggio agricolo che poi avrebbe assunto il nome di Gricignano.

Nel 1928, in piena epoca fascista, Gricignano fu accorpata ad Aversa e le lapidi, per il timore di furti di reperti storici che in quel periodo venivano spesso compiuti, vennero trasportate nella città normanna, nel Chiostro di San Domenico, dove sono restate fino ad oggi, nonostante dal 1946 Gricignano avesse riacquisito la propria autonomia amministrativa.

Sin dal primo insediamento al governo cittadino, il sindaco Andrea Lettieri ha più volte chiesto, attraverso l’approvazione di diverse delibere, la restituzione delle lapidi anche in virtù delle recenti normative in materia di beni culturali che dispongono la consegna agli Enti di appartenenza di reperti storico-artistici di cui, per qualsiasi ragione, sono stati privati.

Così, dopo anni, l’amministrazione comunale di Aversa guidata dal sindaco Ciaramella ha accolto l’istanza. Ora si attende l’autorizzazione da parte della Sovrintendenza ai Beni Culturali, dopodiché “Pupia” e “Cossutia” potranno ritornare dopo 81 anni a Gricignano.

Intanto, già si pensa a dove collocare i reperti. Tra le possibili alternative: riportarli nel luogo d’origine, collocarli sotto il porticato del palazzo municipale oppure nell’aula consiliare.

Alla pari della maggior parte degli analoghi manufatti campani, genericamente databili al periodo repubblicano, Pupia e Cossutia si rifanno al modello delle stele attiche del periodo classico, con il corpo centrale poggiante su un ampio zoccolo occupato dalla rappresentazione – in altorilievo e rigi­damente frontale – del defunto. Il quale è raffigurato, di solito, rac­chiuso in un registro di forma rettangolare concluso da un tim­pano triangolare, a figura intera o di tre quarti, sia da solo sia in compagnia di qualche congiunto. Presentano una scritta scolpita nella trabeazione in alto e af­fiancata, nei pilastrini laterali della cornice, dalla consueta formula latina “Ossa Heic Ista Sunt”.

Cossutia

Aversa, Chiostro dell’ex Monastero di
San Domenico. Stele funeraria di
Cossutia
(da Gricignano di Aversa)

La defunta è raffigurata di tre quarti in compagnia di altre due persone, due giovanetti, forse i suoi figli. Indossa la palla, l’ampia veste usata dalle matrone romane; ha il capo velato ed è colta nell’atto di portare la mano destra sul petto per serrare i lembi della veste secondo il noto schema detto della Pudicitia. Uno schema che si ripete, quasi alla lettera, anche nell’altro manufatto (peraltro quasi simile, se solo si esclude la mancanza di figurine collaterali), dove le scritte sul margine superiore ci forniscono le generalità della defunta, tale Pupia, e di chi aveva commissionato il monumento: il fratello Caio Stazio.

COSSVTIAE·AV·L·AMATAE

O
S
S
A
H
E
I
C

I
S
T
A
S
V
N
T

«Cossutiae A(ugusti ) o A(uli) l(iberta) Amatae ossa heic ista sunt»

«All’amata Cossutia, liberta di Augusto (o Aulo). Queste ossa sono qui»

Pupia

Aversa, Chiostro dell’ex Monastero di
San Domenico. Stele funeraria di
Pupia
(da Gricignano di Aversa)

PVPIAE C·Q·L·SALVIAE
C.STATIVS C·L·FRATER FECIT

O
S
S
A
H
E
I
C

I
S
T
A
S
V
N
T

«Pupiae C(aii) Q(uinti) l(ibertae) Salviae
C(aius) Statius C(aii) l(ibertus) frater fecit
ossa heic ista sunt »

«A Pupia Salvia, liberta di Caio Quinto,
il fratello Caio Stazio, liberto di Caio.
Queste ossa sono qui»

Cossutia e Pupia – video

Informiamo i visitatori che è attivo il nuovo servizio per visionare i video a “schermo intero”
cliccando sul pulsante “Maximize Video” (pulsante sulla barra dello schermo, in basso a destra, accanto al volume).
Per tornare alla visualizzazione normale premere il tasto “Esc” sulla tastiera del vostro computer.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico