Caserta

8 marzo: ad Aversa riflessione sulle donne tra follia e poesia

la copertina dellCASERTA. Un percorso di riflessione e dibattito in occasione della giornata dedicata alle donne. Sabato 8 marzo, la Provincia, in collaborazione con il Centro ricerche e studi sulla psichiatria e le scienze sociali “Le Reali Case dei Matti” dell’AslCe2 e “Calliope”, promuove “Otto marzo. Storie di donne tra follia e poesia”.

Un evento finalizzato alla diffusione della cultura delle pari opportunità sul territorio provinciale, attraverso la riflessione sulle tematiche di più stretta attualità. L’appuntamento si terrà all’interno di Palazzo Parente ad Aversa, a partire dalle ore 16. La scelta della città di Aversa come location dell’evento non è casuale: nel 2008, infatti, ricorre il trentennale della legge 180, la cosiddetta legge Basaglia che sancì la chiusura dei manicomi, e Aversa per quasi due secoli ha ospitato degenti nell’ospedale psichiatrico “Santa Maria Maddalena”, fondato nel 1813 da Gioacchino Murat, unica struttura del Regno delle Due Sicilie preposta all’accoglienza di persone affette da disturbi psichici.L’iniziativa vuole essere l’occasione per tracciare bilancio e prospettiva delle politiche sanitarie messe in campo per una buona prevenzione, in modo da aiutare le donne a riconosce i fattori di rischio e a informarle sul collegamento esistente tra vita quotidiana e disagio psichico. La rilettura delle storie delle donne internate nel manicomio di Aversa intende contribuire a far comprendere meglio il disagio delle donne nella nostra epoca, in cui vivono una pluralità di ruoli che le espone, più degli uomini, al rischio di malattie mentali. Ospite d’eccezione dell’iniziativa di sabato sarà l’attrice Annamaria Ackermann, che leggerà le opere di Alda Merini, attraverso le quali sarà ripercorsa la lunga esperienza di ricovero in manicomio della poetessa. Parteciperanno il presidente della Provincia, Sandro De Franciscis e l’assessore Michele Farina. Interverranno inoltre il direttore generale dell’Asl Caserta 2, Antonietta Costantini, che affronterà il tema “Follia, identità di genere e politiche per la salute”, mentre la ricercatrice dell’università “Federico II” di Napoli, Anna Grazia Ricca, relazionerà su “Esistere nella differenza. Percorsi privati e pubblici nella gestione della follia”. Modera lo psichiatra Nicola Cunto, responsabile del centro studi “Le Reali Case dei Matti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico