Aversa

La StrAversana vince il freddo e la monnezza

I vincitori della StrAversanaAVERSA. I ragazzi che si sono impegnati per dare vita alla StrAversana, circa una sessantina, sono i soli a poterci far capire il significato della loro presenza.

Alle quattro del mattino, mentre si lavorava per tracciare il percorso, la temperatura era a – 3 gradi ed il venticello di tramontana gelava anche i pensieri. La mattinata è andata avanti tutta così e di certo ha pagato in numeri di un evento sportivo che è il più affollato di Aversa. Alla fine sono stati 1082 i giovanissimi della gara non competitiva sui 3 chilometri che hanno tagliato il traguardo, pochi rispetto agli oltre 1500 iscritti, ma tanti se si pensa che vi erano 2 gradi di temperatura. Solo 35 gli attivati della competitiva, ma qui lo spostamento di data, dal 2 al 16 dicembre, ha praticamente stroncato la manifestazione, che si è trovata in concomitanza con un calendario a dir poco impossibile, pieno zeppo di altre attività programmate da mesi. Comunque i numeri restano sempre quelli di un “big event” e forse, anticipando la data in primavera, le cose cambieranno alla grande dal prossimo anno. A vincere, comunque, sono stati proprio loro, i partecipanti, ottima l’organizzazione che cresce di anno in anno e che stavolta ha stupito con palloni gonfiabili, animazioni, una quantità enorme di uomini della Protezione Civile sul percorso e l’impegno della Polizia Municipale con a capo il comandante Stefano Guarino. A ritemprarsi al freddo anche il vicesindaco Lucio Farinaro, il consigliere comunale Luigi Menditto ed il presidente provinciale della Fidal Bruno FAbozzi, che hanno seguito praticamente tutta la mattinata.

Nella prova non competitiva, che era anche valida per l’assegnazione del titolo provinciale cadetti, vittoria dell’aversano “doc” Emanuele Arbore, che ha avuto la meglio sui compagni di squadra Ferdinando Ilardi e Giosuè Picone. Una tripletta che mette calore nel cuore di Lucio Cammarosano, il tecnico del giovane mezzofondo aversano che continua a crescere a piccoli passi. Tra le donne, avanti lo “scricciolo” Adele Menale, alunna del Quarto Circolo di Aversa, ma già tra le file giovanili dell’Atletica Aversa, figlia di Marco Menale e Loredana Brusciano, due vecchie glorie dell’atletica aversana, alla sua prima vittoria importante. Alle sue spalle Amelia Confessore e Marcella Guarino, sempre del 4° Circolo di Aversa.

La 10 chilometri competitiva, che in verità era 9.800 metri, ha superato la prova percorso e forse anche quella dell’immondizia, visto che solo piccoli tratti presentavano qualche cumulo di rifiuti, lo stesso non è certo stato per il resto della città. Eccezionale il lavoro della Protezione Civile che, ci piace ricordarlo, era presente con i gruppi : Comunale di Aversa, Victor India di Aversa, Lusciano, Parete, Trentola Ducenta, Carinaro, Casal di Principe e Servizi Logistici di Cesa, con una sessantina di unità sul percorso. Vittoria finale per il giovanissimo Tommaso Santagata, studente di Gricignano di Aversa press il l Liceo Scientifico “Fermi” di Aversa, che ha praticamente sbaragliato il campo coprendo la distanza con 36.06. A lui il Trofeo “Salvatore Cesaro”, alle sue spalle Antonio Guida, che arriva da Casaluce ed ha chiuso con 36.30, al terzo posto il giovanissimo marciatore Giuseppe Rennella, aversano, che chiude con 36.40, battendo di un solo secondo Francesco Cangiano, di Trentola Ducenta, quindi Francesco Guida e Luciano Iavarone.

Nelle varie categorie vittorie per Luciano Iavarone (TM), Francesco Caggiano (M40), Carletto Rossi (M45), Antonio Calende (M55), Michele Brunzo (M65) e Nicola Dongiacomo (M70). Tra le donne vittoria a mani basse per Anna Bianco, che bissa il successo dello scorso anno, ma che di Straversana ne ha vinte molte, a lei va lo speciale premio intestato a “Ester Ebraico”, alle sue spalle Filomena Gordon, Michelina Menditto, Giovanna Gargiulo, Rosanna Cirillo, Irene Cantone, Giovanna Liccardo, Elisa D’Aniello (vincitrice tra le F45), Luisa Santoro ed Angela Dello Iacono.

La speciale classifica per gruppo vede la supremazia dell’Istituto Comprensivo Cimarosa – Quarto Circolo Aversa, con ben 302 atleti iscritti, seguono il Quinto Circolo di Aversa, quindi la Direzione Didattica di Lusciano, il Secondo Circolo di Aversa, la Scuola Media “De Curtis” di Aversa, il Gruppo Ester, i Dipendenti Asl Ce2, la Scuola Media “Bagno” di Cesa, il Terzo Circolo di Aversa ed il gruppo Gioiello di Aversa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico