Sant’Arpino

In marcia per i diritti dell”infanzia

Giuseppe Savoia SANT”ARPINO. In cammino verso una città a misura di bambino. Questo lo slogan e questo soprattutto l”intento della Marcia per i diritti dell”infanzia partita questa mattina alle 9,30 da Sant”Arpino.

In occasione della giornata mondiale dei Diritti dei Minori, la scuola media del paese atellano “Rocco”, ambasciatrice Unicef da anni, l”amministrazione comunale e il CO.D.I (comitato per i diritti dell”infanzia) hanno organizzato una giornata speciale interamente dedicata agli adulti di domani. «Il nostro impegno nei riguardi dei più piccoli – ha sottolineato il sindaco Giuseppe Savoiacomincia un pò di anni fa, quando con la collaborazione di docenti, assistenti sociali e volontari abbiamo messo su un comitato che difende e si occupa di chi spesso non ha voce in capitolo ed è costretto a subire le scelte dei grandi. Sono anni che prendiamo a cuore i giochi dei bambini, giochi che diventano istruttivi, creativi e molto, molto formativi; sappiamo quanto è importante ascoltare la loro spontaneità e i loro bisogni. La giornata di oggi rappresenta la conferma di un progetto che è ampio e ambizioso». La scuola media “Rocco”, da qui è partita la lunga passeggiata dei bambini: alunni, insegnanti, genitori percorreranno le strade principali del paese e poi si raduneranno in piazza Umberto I per svolgere tutti assieme una serie di attività ludiche, creative e istruttitive, tutte orientate alla realizzazione di una città a misura di bambino. «Sarà una festa – ha detto la coordinatrice del Co.D.I. Santina Dell”Aversanaun gioco e una scoperta collettiva, con i bambini è sempre così; i bambini non rivendicano, ribadiscono con il sorriso e la spontaneità, con l”intelligenza e l”azione la loro sacrosanta identità e la loro voglia di imparare». Nel pomeriggio, alle 18, nella sala consiliare della sede comunale di via Mormile, si è riunito, per una seduta straordinaria, il Consiglio Comunale dei ragazzi presieduto dal baby sindaco Elena Orto. Grandi e piccoli, alunni e professori, mamme e papà assieme per decidere e affermare i bisogni e i sogni dei più piccoli. Nel corso della sessione plenaria è stato presentato il progetto-concorso «Costruzione di una Città amica delle bambine e dei bambini. Nove passi per l”azione». Si tratta di un documento ideato dall”Unicef e creato dal Centro di Ricerca Innocenti. L”idea è quella di proporre ai bambini la progettazione di una città ideale che rispetti tutti, anche i più piccini, un paese «fantastico» ma naturalmente molto concreto.

da Il Mattino, martedì 20.11.07 (di Sara Boni)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico