Spettacoli

Premio Carosone, straordinario cast per celebrare “l’americano di Napoli”

di Redazione

Napoli – Sul palcoscenico del Teatro Trianon Viviani, Federico Vacalebre, biografo ufficiale di Renato Carosone e direttore artistico del Premio Carosone, ha radunato un cast straordinario per la celebrazione dell’americano di Napoli. – continua sotto –

Ad aprire la serata è stato Il Tesoro di San Gennaro con “Lu Guarracino” e “Pigliate ‘na pasticca”; La Niña ha affascinato il pubblicato con una “Maruzzella” newpolitana e “Salomè”; esplosivo Clementino con il suo “Cos Cos Cose” e “Tutti scienziati”; Marisa Laurito insieme a Lorenzo Hengeller hanno presentato in anteprima una deliziosa canzoncina postcarosoniana sul politically correct “Nun se può cchiù parlà” e poi “Il babà è una cosa seria”; Peppe Servillo & Solis String Quartet, che a Renato Carosone hanno dedicato un intero album, si sono esibiti con “Torero” e “Tre guagliune e nu mandolino”; Alan Sorrenti è salito in palcoscenico con “Passione” e “Giovani per sempre”.

Con Gigi D’Alessio e Rocco Hunt il palcoscenico diventa incandescente. “Pianofortissimo” e “Caro Renato” per D’Alessio che, duetta poi con Rocco Hunt in una coinvolgente “Tu vuò fa l’americano” e “Annarè”. Rocco Hunt, che “Tu vuo’ fa l’americano” lo ha portato in gara a Sanremo, canta le sue “Nu juorno buono” e “’A vita senz’e te (me fa paura)”, il nuovo singolo. Carica di energia la chiusura con Enzo Avitabile e i Bottari con “T’aspetto ‘e nove” la travolgente esecuzione di “Caravan Petrol”.

Il Premio Carosone 2022 è finanziato dalla Regione Campania (Poc 2014-2020), prodotto e promosso dalla Scabec con Teta Pitteri, in collaborazione con il Teatro Trianon Viviani. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico