Cronaca

Gli affari della ‘Ndrangheta in Romania e Bulgaria: sequestri per 15 milioni

di Redazione

Una cinquantina di finanzieri, coordinati dal comando provinciale di Bologna e appartenenti anche a reparti di Milano, Trento e Reggio Calabria, hanno eseguito, sul territorio nazionale e all’estero (Romania, Bulgaria e Svizzera), misure cautelari personali e reali nei confronti di soggetti che, attraverso condotte preordinate al trasferimento fraudolento di valori, hanno contribuito a reinvestire ingenti somme di denaro riconducibili alla potente e nota cosca di ‘ndrangheta degli Iamonte, egemone nel territorio di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria) e con ramificazioni nel Nord Italia, tra le quali una vera e propria “Locale” di stanza a Desio (Milano). – continua sotto –

Le misure cautelari, disposte dal gip bolognese Alberto Gamberini, rappresentano l’epilogo della vasta operazione “Black Fog”, condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria di Bologna, le cui indagini, coordinate dalla locale Direzione distrettuale antimafia, nelle persone del procuratore aggiunto Francesco Caleca e del sostituto procuratore Flavio Lazzarini, sono state eseguite tra il 2019 e il 2021. L’attività è stata sviluppata all’esito di una precedente indagine in materia di criminalità organizzata, eseguita dagli specialisti del Gico di Bologna, convenzionalmente denominata “Nebbia Calabra”, nel corso della quale era stata rinvenuta copiosa documentazione, anche informatica, relativa a cospicui investimenti all’estero effettuati dal principale indagato grazie alla connivenza e al supporto di numerosi “colletti bianchi” legati al mondo della finanza e dell’imprenditoria operanti nel nord est del Paese.

In particolare, sono emersi gravi indizi in ordine alla gestione occulta, realizzata attraverso uno strumentale schermo societario di diritto rumeno, di due centrali idroelettriche in Romania in grado di generare redditi per 2 milioni di euro all’anno (la cui titolarità è riconducibile a una società con sede in provincia di Trento), alla disponibilità di numerosi rapporti finanziari presso banche svizzere (fra cui 1,6 milioni di dollari Usa in seguito movimentati verso un conto sammarinese) e al possesso di immobili di pregio in Bulgaria, oltre a investimenti in titoli Usa successivamente movimentati tramite bonifici “mascherati” da finanziamenti fra società estere per 15 milioni di euro.

Grazie alle determinanti informazioni fornite dalle Financial Intelligence Unit estere, vale a dire autorità nazionali indipendenti con funzioni di contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, sono state intercettate condotte di trasferimento fraudolento di valori aggravate dal cosiddetto “metodo mafioso”, in ragione della vicinanza dell’indagato alla ‘Ndrina, i cui cospicui interessi economici venivano dallo stesso curati. – continua sotto –

Condividendo il quadro probatorio meticolosamente ricostruito dalle Fiamme Gialle d’intesa con i magistrati della Procura di Bologna, il tribunale ha emesso un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali e reali consistenti negli arresti domiciliari del principale indagato, italiano, e nel sequestro preventivo del capitale sociale di una società italiana, del saldo di due conti esteri (rumeno e svizzero) fino alla concorrenza di 15 milioni di euro, delle quote societarie di due imprese rumene, di tre conti correnti e di due beni immobili situati a Sofia, in Bulgaria.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico