Cronaca

Ragazzo spinto e fatto cadere dal monopattino per “divertimento”: denunciati due baby balordi

di Redazione

A Catania i carabinieri della compagnia di Piazza Dante hanno identificato e denunciato due minorenni, di 17 anni, per l’aggressione gratuita ad un ragazzo di 23 anni che percorreva, con un monopattino, la pista ciclabile del lungomare della città. – continua sotto – 

Il giovane, che aveva sporto denuncia per lesioni, era stato spinto e fatto cadere da un componente di una gang la scorsa settimana. Le indagini dei militari si sono basate sulla visione del video pubblicato sui social e su quelli di impianti di videosorveglianza.

Le successive perquisizioni domiciliari, delegate con urgenza dall’autorità giudiziaria, hanno permesso, in effetti, di trovare riscontro all’ipotesi investigativa in quanto sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro i capi d’abbigliamento ed il casco indossati dai due ragazzi la sera dell’evento nonché il motociclo sul quale viaggiavano che era già stato parzialmente smontato e privato della carrozzeria bianca al fine di ostacolarne l’individuazione ed il riconoscimento.

Ai due giovanissimi, inoltre, sono stati sequestrati i telefoni cellulari sui quali verranno svolti approfonditi accertamenti tecnici che serviranno, nel corso delle indagini, che proseguono senza sosta, sia a risalire agli altri componenti del gruppo (composto da altri sei ragazzi a bordo di tre scooter) ma anche e soprattutto a delineare, approfonditamente, il profilo della loro condotta finalizzata ad esaltare gesti di illegalità e dal profondo disvalore sociale attraverso l’indiscriminata pubblicazione di video sui social network. – continua sotto – 

È al vaglio della Procura l’adozione di ulteriori provvedimenti anche di natura civile nei confronti dei due minorenni denunciati, ai quali, oltretutto, i carabinieri hanno elevato sanzioni ammnistrative per le violazioni del Codice della Strada per complessivi 1.181 euro di pena edittale massima. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico