Cronaca

“No al Reddito di Cittadinanza se figli non vanno a scuola”: nel Napoletano riguarderebbe 160mila famiglie

di Redazione

Per ora è solo un’idea allo studio che potrebbe presto prendere corpo in un protocollo d’intesa: revocare il reddito di cittadinanza, e altre misure di sostegno sociale, a quei genitori i cui figli risultino inadempienti all’obbligo scolastico. – continua sotto – 

A Napoli e provincia – qualora la proposta andasse in porto – riguarderebbe più di 160mila famiglie, tante quante sono quelle che beneficiano della misura di sostegno introdotta con l’arrivo del M5S al Governo. Un numero di famiglie superiore a quelle che complessivamente beneficiano della stessa misura in Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino e Val d’Aosta. Un bel pezzo di nord. L’idea è stata messa sul tavolo del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza convocato ieri in Prefettura per fare il punto sugli ultimi episodi di violenza e disagio giovanile registrati a Napoli.

Una escalation di violenza, con protagonisti minori già avvezzi all’uso delle armi, che richiede misure che vadano oltre quelle di polizia. La misura va nella direzione del contrasto al fenomeno della dispersione scolastica (particolarmente diffuso in Campania, con la regione al terzo posto nella speciale graduatoria nazionale). Ma è evidente che l’obiettivo va oltre, e mira a porre un argine ai casi devianza giovanile sempre più frequenti nel capoluogo partenopeo come testimoniano le cronache più recenti. Di qui l’idea di privare di sussidi (oltre al reddito di cittadinanza, anche altre misure minori incluse nel piano sociale di zona) quei genitori che non mandano i figli a scuola. In tal senso – informa la Prefettura – presto sarà programmato un incontro per definire – di concerto con l’Inps – le modalità operative per procedere alla revoca delle indennità.

Ma la portata della misura potrebbe non fermarsi qui: una volta definita, infatti, potrebbe riguardare anche un’altra categoria di soggetti responsabili di illeciti, quali i parcheggiatori abusivi. La dispersione scolastica è una piaga che riguarda soprattutto le regioni meridionali, come si evince dal report sull’abbandono degli studi pubblicato a maggio dello scorso anno dal Miur, e relativo a due bienni scolastici (2017-2018 e 2019-2020). – continua sotto – 

Nel focus redatto dal Ministero, la Campania occupa il terzo posto nella speciale classifica nazionale dell’abbandono scolastico nella scuola secondaria di I grado. Il poco invidiabile primato spetta alla Sicilia, con un tasso di abbandono dell’1,07%, valore calcolato sul totale degli alunni frequentanti: seguono Calabria e Campania, rispettivamente con lo 0,75% e lo 0,74%. Nel Molise, la regione più virtuosa, il tasso di dispersione si attesta allo 0,34%.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico