Cronaca

Rubavano farmaci ansiolitici e li rivendevano per lo “sballo”: arrestati dipendenti ditta casertana

di Redazione

I carabinieri del Nas di Caserta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale Napoli Nord, su richiesta della locale Procura, nei confronti di 10 persone (2 finite agli arresti domiciliari, le altre sottoposte a divieto di divieto di dimora ed obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) ritenute responsabili, a vario titolo, di furto aggravato di farmaci, esercizio abusivo della professione di farmacista e commercio di medicinali guasti o imperfetti. – continua sotto –

L’indagine, iniziata nel mese settembre del 2021, trae origine da una denuncia presentata dai responsabili di una ditta di commercio all’ingrosso di medicinali, con sede nella provincia di Caserta, relativa ad una serie di sottrazioni di farmaci, tra i quali ansiolitici, veterinari, steroidei e per la disfunzione erettile. Difatti, per il solo anno 2020 veniva segnalata la mancanza di farmaci per un valore superiore ai 180mila euro. Le prime attività investigative condotte con intercettazioni video all’interno del magazzino della ditta hanno permesso di accertare che nove dipendenti, sistematicamente, provvedevano ad asportare dalle linee di distribuzione diverse confezioni di farmaci, parafarmaci e prodotti vari, nascondendole negli indumenti indossati o in borse portavivande.

Le conseguenti intercettazioni telefoniche, attivate su uno dei dipendenti, hanno permesso di dimostrare che lo stesso, insieme alla propria compagna, aveva organizzato un proprio mercato di vendita dei prodotti asportati mediante la realizzazione di una rete di clienti, per lo più residenti nella zona di Napoli-Secondigliano, ai quali recapitavano le confezioni sottratte su commissione degli stessi acquirenti, per un valore giornaliero di circa 400 euro. Una parte considerevole dei farmaci sottratti riguardavano quelli a base di “benzodiazepine”, per le quali è notorio l’improprio utilizzo, da parte dei giovani, quale “ansiolitico dello sballo”.

Nel complesso delle indagini, terminate nel successivo mese di novembre, sono stati raccolti elementi indiziari nei confronti di 21 persone (9 dipendenti e 12 faccendieri coinvolti, a vario titolo, nei furti dei farmaci), nei confronti delle quali sono stati ipotizzati i reati di furto aggravato, esercizio abusivo della professione di farmacista e commercio di farmaci guasti od imperfetti.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico