Cronaca

Epatite acuta nei bambini, commissaria Ue: “Situazione preoccupante”

di Redazione

L’aumento improvviso di casi di epatite acuta tra i bambini rimane ancora senza causa. “L’Ue segue molto da vicino la situazione, che è preoccupante” e gli Stati dovrebbero “condividere tutte le informazioni possibili”. Lo ha dichiarato la commissaria europea alla salute Stella Kyriakides, commentando i casi di epatiti pediatriche di origine sconosciuta registrati nelle ultime settimane in Europa. – continua sotto – 

“Al 25 Aprile erano approssimativamente 40 casi negli Stati membri”, ha aggiunto la commissaria, sottolineando che i casi registrati riguardano “bambini tra un mese e sedici anni di età”. “La probabile origine è virale, ma abbiamo bisogno di più informazioni, Ecdc pubblicherà domani una prima valutazione”, ha aggiunto Kyriakides, invitando gli Stati dell’Unione europea a condividere tutte le informazioni possibili.

Iss: escluso legame con il vaccino anti-Covid, improbabile adenovirus – Intanto, l’Istituto Superiore di Sanità ha messo a punto un focus, pubblicato sul suo sito, per fare chiarezza su ciò che si sa finora e sulle ipotesi sull’origine delle epatiti pediatriche attualmente al vaglio.

“Al momento non ci sono elementi che suggeriscano una connessione tra la malattia e la vaccinazione contro il Sars-CoV-2, e anzi diverse considerazioni porterebbero ad escluderla”, ha chiarito l’Iss nell’approfondimento, specificando che “nella quasi totalità dei casi in cui si è a conoscenza dello status i bambini colpiti non erano stati vaccinati”. Improbabile, secondo l’Istituto, è anche l’ipotesi che sia un adenovirus a causare le epatiti, “in quanto questo tipo di virus normalmente non è associato a malattie epatiche”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico