Cronaca

Napoli, bomba davanti panificio al Vasto: 2 arresti

di Redazione

Erano stati controllati e sanzionati per il mancato rispetto della normativa anti Covid i due ritenuti responsabili dell’attentato dinamitardo ai danni di un panificio di Napoli, nella zona del Vasto, e questo particolare, insieme con l’analisi dei sistemi di videosorveglianza, ha consentito agli inquirenti di individuarli. – continua sotto –

I carabinieri hanno notificato i due provvedimenti nei confronti di G.R. e C.D.M, 37 e 42 anni, accusati di detenzione e porto in luogo pubblico di esplosivi e danneggiamento, con l’aggravante del metodo mafioso. Al primo la misura cautelare è stata notificata in carcere, dove si trova in quanto accusato di altri reati. Il secondo, invece, è al momento, irreperibile. Inoltre, secondo quanto emerge dall’attività investigativa, C.D.M. fu destinatario di una dura reprimenda da parte di un elemento di spicco di uno dei clan che compongono i vertici dell’Alleanza, soprannominato “Francuccio o’ cavallaro”, per il furto “non autorizzato” di una borsa. Il soggetto in questione, potrebbe essere uno storico affiliato di recente scarcerato dopo 13 anni di detenzione.

L’attività commerciale, “Sfizi di Pane Marigliano”, presa di mira dagli indagati si trova nel quartiere Vasto del capoluogo partenopeo. L’esplosione dell’ordigno risale al 20 aprile scorso, alle tre e mezza del mattino. Le immagini di diversi sistemi di video sorveglianza presenti nella zona hanno consentito ai militari di individuare l’auto usata dai presunti responsabili dell’attentato e di ricostruire l’intero tragitto percorso sia per arrivare in prossimità del panificio, sia per allontanarsi dal luogo dell’attentato. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico