Cronaca

Grazzanise, denunciati due bracconieri che utilizzavano richiami acustici vietati

di Redazione

Grazzanise (Caserta) – Durante un servizio di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e al contrasto degli “illeciti ambientali e faunistico venatorio”, i carabinieri forestali della stazione di Castel Volturno e del Nucleo Tutela Biodiversità di Ischitella, udivano degli spari esplosi a distanza con fucili da caccia provenienti dal fiume Volturno, sul territorio di Grazzanise. – continua sotto – 

Dopo circa un’ora di perlustrazione a piedi, percorrendo la sponda sinistra del fiume, distinguevano il suono di un richiamo acustico riproducente il verso di esemplari appartenenti all’avifauna acquatica. Raggiunta la fonte sonora sorprendevano due bracconieri, armati di fucile, in attività di caccia, appostati a circa 50 metri dalla sponda in attività di bracconaggio mediante l’ausilio di mezzi vietati, in giornata di silenzio venatorio (il martedì e il venerdì di ogni settimana sono giorni di “silenzio venatorio” durante i quali non è permesso sparare), con fucili semiautomatici risultati peraltro privi di idoneo accorgimento tecnico atto a contenere non più di tre colpi e richiamo elettromagnetico con diffusore posizionato sul tetto della loro autovettura.

I bracconieri venivano, inoltre, rinvenuti in possesso di un capo appena abbattuto di alzavola, esemplare di fauna selvatica acquatica della famiglia degli anatidi. Pertanto, ritenute assunte le violazioni penali di esercizio di caccia in giornata di silenzio venatorio, con l’utilizzo di richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico vietato, nonché con fucili da caccia con più di tre colpi in canna, i militari procedevano al sequestro delle armi e munizionamento da caccia, del richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico e dell’esemplare di anatide abbattuto, e denunciavano i due per le violazioni delle norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico